Cronaca Via Marco Vitruvio

L'arma s'inceppa e il dipendente reagisce: rapinatore finisce in manette

Ha cercato di svaligiare la sala slot di via Vitruvio armato di "scacciacani", ma nn riuscito ad esplodere i colpi necessari ad intimorire il cittadino cinese dall'altra parte del bancone, che si è ribellato

Il colpo sembrava oramai essere andato a buon fine, ma un disguido ha mandato tutto all'aria e il rapinatore alla fine è finito in manette. 
Erano circa le ore 20 del 13 febbraio, quando al 113 è giunta la segnalazione di due persone che stavano litigando animatamente in via Vitruvio, una della quali sarebbe stata anche armata di pistola. Una Volante così si è diretta sul posto, dove ha notato un cittadino di origini cinesi che stava cercando di trattenere un'altra persona, la quale è stata bloccata dagli operatori, mentre a mezzo metro di distanza si trovava una pistola, poi risultata essere una "scacciacani", con relativo caricatore. 

L'uomo di origini orientali lavorava alla sala slot situata al civico 5 di via Vitruvio e ha raccontato agli agenti che poco prima G.Z., cittadino croato di 29 anni, era entrato all'interno dell'esercizio dove aveva estratto una pistola nascosta sotto la felpa, puntandola contro il dipendente e intimandogli di consegnare l'incasso. La vittima però ha riferito al malvivente di non possedere contante e quest'ultimo allora ha iniziato a premere più volte il grilletto per intimorirlo, sottraendogli alcune banconote trovate nei cassetti del bancone ed il cellulare. 
Ma a causa di un un errato ciclo funzionale dell’arma, il rapinatore non è riuscito ad esplodere nessun colpo e il cittadino cinese ne ha approfittato per saltargli addosso. La zuffa tra i due è proseguita all'esterno dell'esercizio, dove la polizia è riuscita a bloccare il malfattore. 
A testimonianza dei colpi che G.Z. ha cercato di esplodere senza successo, vicino alla cassa sono stati trovati 5 bozzoli. 

Arrestato per tentata rapina aggravata e condotto presso la casa circondariale di Montorio, il 29enne sabato mattina si è presentato davanti al Gip, che ha convalidato il provvedimento e disposto la custodia cautelare in carcere, in attesa del processo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arma s'inceppa e il dipendente reagisce: rapinatore finisce in manette

VeronaSera è in caricamento