Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Via C. A. dalla Chiesa, 7

Amministratore delegato di un'azienda derubato del Rolex, i carabinieri rintracciano ed arrestano i rapinatori

La rapina era stata eseguita lo scorso dicembre nel parcheggio di un'azienda a Bussolengo, dove i malviventi avevano però dovuto abbandonare la loro auto nella fuga trovando il cancello sbarrato e fuggendo così a piedi

Carabinieri

I carabinieri della stazione di Bussolengo riferiscono di aver effettuato un arresto la scorsa notte nel Comune di Cerea «nei confronti di D. D. P., cittadino romeno, classe 2002, celibe, disoccupato, pluripregiudicato, in esecuzione a ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Verona il 24 febbraio 2021». Gli stessi militari dell'Arma spiegano che, all’esito della lora attività investigativa, hanno dunque «rintracciato e tratto in arresto l’uomo, ritenuto responsabile di una rapina di un Rolex».

I fatti, secondo quanto si apprende, risalgono al pomeriggio dello scorso 22 dicembre, quando la centrale operativa dei carabinbieri di Peschiera del Garda avrebbe «inviato una pattuglia presso la sede di un’azienda operante nel settore metalmeccanico con sede a Bussolengo poiché, poco prima, l’Amministratore Delegato era rimasto vittima di una rapina». I carabinieri riferiscono che, una volta giunti sul posto, avrebbero accertato come due uomini «verosimilmente dell’Est Europa, dopo aver aggredito il malcapitato, gli avevano rubato il suo orologio Rolex». I due presunti autori della rapina sarebbero però fuggiti a piedi, lasciando la loro auto, una Fiat Punto di colore grigio, «bloccata nel parcheggio interno dell’azienda». Questo poiché, così come spiegato dagli stessi militari dell'Arma, i due avrebbero trovato il cancello carraio automatico chiuso e non sarebbero stati in grado di aprirlo, dovendo così abbandonare la loro vettura dentro il parcheggio e, scavalcando il cancello, fuggire quindi a piedi.

Il veicolo in questione è stato sequestrato dai carabinieri che hanno quindi svolto i dovuti accertamenti tecnici, riuscendo anche a recuperare «dei documenti e delle schede sim intestate sia a D. D. P. che a D. M.», vale a dire l'altro «cittadino romeno, classe '79 e pregiudicato» che sarebbe stato presente sul posto nel momento della rapina. I militari dell'Arma, infatti, spiegano che «considerato che sul veicolo abbandonato vi erano tracce che portavano ai predetti e che le descrizioni fornite dalla vittima e dai testimoni trovavano riscontro nei dati anagrafici degli stessi, si è ritenuto che potessero essere proprio loro gli autori del reato». In tal senso, i carabinieri riferiscono inoltre che sia la vittima della rapina del Rolex che un testimone, sono entrambi stati sottoposti alla procedura di individuazione fotografica, «riconoscendo, senza alcun dubbio, in D. M. e D. D. P. gli autori della rapina». A quel punto, i carabinieri spiegano di aver avviato le loro indagini volte al rintraccio dei due presunti rapinatori.

Il momento di svolta nelle indagini è giunto quindi il 10 febbraio scorso, quando grazie alla loro tenacia i militari della stazione di Bussolengo, coadiuvati nella fase esecutiva dai colleghi della compagnia di Legnago, riferiscono di essere riusciti a individuare e bloccare il cittadino romeno classe '79, sottoponendolo a fermo di Polizia Giudiziaria. Le ricerche non consentirono però nell'immediato di rintracciare anche il suo complice che i carabinieri suppongono si fosse nel frattempo verosimilmente rifugiato in Romania per sottrarsi alla cattura. Tuttavia, i militari dell'Arma, spiegano che, dopo serrate ricerche nel territorio della Bassa Veronese, anche D. D. P. è stato infine individuato a Cerea la scorsa notte. A quel punto i militari di Bussolengo, coadiuvati dai colleghi della Stazione di Sanguinetto, riferiscono di averlo arrestato «dando così esecuzione alla misura cautelare e assicurando anche lui alla giustizia». Al termine delle formalità di rito, D. D. P. è stato condotto presso la Casa Circondariale di Verona Montorio e dovrà rispondere anche lui del delitto perpetrato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministratore delegato di un'azienda derubato del Rolex, i carabinieri rintracciano ed arrestano i rapinatori

VeronaSera è in caricamento