Cronaca Via Pier Eleonoro Negri

Rapina in casa a San Bonifacio: madre e figlia minacciate dai banditi

I malviventi erano tre, probabilmente dell'Est Europa. Erano armati di pistola, spranga e di spray urticante. Sotto shock le vittime, ricoverate poi in ospedale

Foto generica di repertorio

Uno era armato di pistola, l'altro di spranga e il terzo di spray urticante. E probabilmente erano dell'Est Europa i tre uomini che sabato scorso, 23 novembre, hanno messo a segno una rapina in abitazione a San Bonifacio. Il fatto è avvenuto in una casa di via Negri, dove madre e figlia stavano per mettersi a tavola per la cena, mentre il marito della donna era via.

I rapinatori sono entrati sfondando la porta d'ingresso dell'abitazione ed hanno immobilizzato le due donne, tenendole sotto minaccia. Il commando ha chiesto più volte dove fosse la cassaforte, ma la madre ha risposto che solo il marito lo sapeva. I tre hanno messo a soqquadro l'abitazione per venti minuti e prima di andar via hanno rotto i cellulari delle due donne, così che non potessero subito chiamare aiuto. Difficile da quantificare il bottino, con i malviventi che sono riusciti ad arraffare un po' di contanti, gioielli ed un orologio.

Le vittime della rapina, dopo che i tre erano fuggiti, sono uscite in strada ed hanno chiesto aiuto ai vicini. La giovane, che soffre anche di problemi di salute, è anche svenuta dalla paura ed è stata successivamente ricoverata all'ospedale Fracastoro insieme alla madre, sotto shock per l'accaduto. Sulla rapina sono in corso le indagini dei carabinieri di San Bonifacio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in casa a San Bonifacio: madre e figlia minacciate dai banditi

VeronaSera è in caricamento