menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina di Castelvecchio, si avvicina la sentenza ma non il rientro dei quadri

Tra meno di una settimana potrebbero arrivare le condanne ai responsabili del furto, mentre i quadri restano ancora in Ucraina e per questo il presidente Poroshenko è accusato di appropriazione indebita

La procura di Verona non scherza e ha convocato il console generale ucraino per discutere dei fatti denunciati dall'avvocato veronese Guariente Guarienti. Fatti che tutti conoscono e che per Guarienti sono un reato: appropriazione indebita. L'autore di questo reato è il presidente ucraino Petro Poroschenko e il corpo del reato sono i quadri rubati al museo di Castelvecchio. Quadri che le autorità ucraine hanno ritrovato, ma che ancora non hanno restituito alla città di Verona.

E mentre il fascicolo per appropriazione indebita nei confronti del cittadino onorario veronese Poroshenko è stato aperto, come scrive Fabiana Marcolini su L'Arena, si avvicina il 5 dicembre, giorno in cui il giudice per le udienze preliminari Luciano Gorra potrebbe pronunciare la sentenza del processo a carico dei responsabili del furto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento