Incastrato dalle indagini, dopo aver rapinato due donne nella loro casa

I carabinieri di Sanguinetto hanno tratto in arresto J. K., al termine delle indagini sul colpo messo a segno in un'abitazione del territorio comunale il 5 dicembre scorso. L'uomo è stato poi accompagnato presso il carcere di Montorio

I carabinieri di Sanguinetto

Le indagni condotte dai carabinieri lo hanno indicato come il responsabile di una rapina in abitazione, consumata a Sanguinetto il 5 dicembre scorso, in danno di due donne marocchine le quali si sono viste piombare in casa l'uomo che, con violenza e minaccia, avrebbe sottratto loro un orologio, un cellulare, un anello, una collana d'oro e 300 euro in contanti, per poi darsi alla fuga.
I militari della stazione locale dunque hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di un cittadino marocchino, J. K., classe 1989, celibe, irregolare e incensurato. L'attività investigativa che ha preso il via dopo la rapina, ha portato i carabinieri nel comune di Boschi Sant'Anna, dove il nordafricano è stato sorpreso nei pressi di alcune abitazioni del posto. 
Dopo le formalità di rito, l'uomo è stato accompagnato presso il carcere di Montorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento