rotate-mobile
Cronaca

Rapina allo Stadio, ragazzina 13enne usata come scudo

Un uomo, mascherato con un casco integrale, entrato nel call center di Via Longhena

Erano le 21.30 di sabato sera quando un uomo, mascherato con un casco integrale, è entrato nel call center di Via Longhena, in zona Stadio. L'obiettivo era rapinare il negozio rilevato cinque anni fa da un uomo pachiestano e il malvivente, per essere sicuro di andare a segno, non ha esitato a estratte una pistola e puntarla ad una tempia della figlia tredicenne del titolare.


Istanti di terrore che si sono conclusi con la fuga del rapinatore, insieme all'incasso, 300 euro
. E ora, mentre la ragazzina è ancora sotto choc, si stanno visionando i filmati delle telecamere della zona intorno allo stadio, per cercare di risalire al responsabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina allo Stadio, ragazzina 13enne usata come scudo

VeronaSera è in caricamento