Cronaca Lungadige Bartolomeo Rubele

Si vuole gettare da un ponte nell'Adige, 19enne salvata in extremis

Intervento degli agenti della Municipale in lungadige Rubele per soccorrere una giovane che si stava gettando nell'Adige: cause da chiarire ma si sospetta un litigio con il fidanzato

Salvata in extremis, anche se probabilmente contro la sua volontà. Aveva deciso di farla finita lanciandosi da un ponte una giovanissima di Verona. A prenderla per il rotto della cuffia è stata una coppia di agenti della polizia municipale, intervenuta ieri in lungadige Rubele, dove una 19enne si stava lanciando nell’Adige.

La giovane era seduta sul muro ed aveva appena manifestato le sue intenzioni al fidanzato quando è stata letteralmente bloccata dagli agenti e riportata sul marciapiede, al sicuro. I due agenti, appartenenti al Reparto Territoriale, erano in servizio in borghese per controlli sull’utilizzo irregolare di pass disabili quando hanno immediatamente compreso la gravità della situazione e sono intervenuti con decisione. Successivamente gli agenti hanno accompagnato all’ospedale di Borgo Trento la giovane, che è stata affidata a medici specialisti.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si vuole gettare da un ponte nell'Adige, 19enne salvata in extremis

VeronaSera è in caricamento