Leggera radioattività nell'aria, l'Arpav l'ha rilevata anche a Verona

Tracce del radionuclide Rutenio-106, una presenza riscontrata anche nelle stazioni di rilevamento di Vicenza e Belluno, ma che non desta preoccupazioni

(Foto di repertorio)

Tracce del radionuclide Rutenio-106 sono state rilevate nell'aria dalle stazioni di controllo dell'Arpav a Verona, Vicenza, Belluno. A comunicarlo è stata la stessa agenzia regionale, che ha comunque assicurato che i livelli captati sono molto bassi e non preoccupano né dal punto sanitario né da quello ambientale.

La presenza è stata riscontrata nel campionamento effettuato tra il 2 e il 3 ottobre e non solo in Veneto. Anche altri laboratori del Nord Italia, dell'Austria e della Svizzera, hanno notato questa presenza nell'aria e per questo l'Ispra si è mobilitato insieme agli altri istituti europei per identificare la provenienza di questo elemento radioattivo.

Potrebbe interessarti

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • Falsi amici della dieta: ecco i 10 alimenti che non fanno dimagrire

  • Auto: i 7 accessori che non possono mancare per affrontare un lungo viaggio

I più letti della settimana

  • Autoarticolato e moto si scontrano in tangenziale: morto un giovane 26enne

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 23 al 25 agosto 2019

  • Non si controlla più, estrae un coltello in piazza Bra e viene bloccato

  • Colpito da infarto a Verona viene tenuto in vita da dei passanti guidati al telefono dal 118

  • Colto da un malore lungo il sentiero che porta al santuario: morto 65enne

  • La maglietta del vicesindaco di Roverè, Potere al Popolo: «Manifesta la cultura dello stupro»

Torna su
VeronaSera è in caricamento