Leggera radioattività nell'aria, l'Arpav l'ha rilevata anche a Verona

Tracce del radionuclide Rutenio-106, una presenza riscontrata anche nelle stazioni di rilevamento di Vicenza e Belluno, ma che non desta preoccupazioni

(Foto di repertorio)

Tracce del radionuclide Rutenio-106 sono state rilevate nell'aria dalle stazioni di controllo dell'Arpav a Verona, Vicenza, Belluno. A comunicarlo è stata la stessa agenzia regionale, che ha comunque assicurato che i livelli captati sono molto bassi e non preoccupano né dal punto sanitario né da quello ambientale.

La presenza è stata riscontrata nel campionamento effettuato tra il 2 e il 3 ottobre e non solo in Veneto. Anche altri laboratori del Nord Italia, dell'Austria e della Svizzera, hanno notato questa presenza nell'aria e per questo l'Ispra si è mobilitato insieme agli altri istituti europei per identificare la provenienza di questo elemento radioattivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento