rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Centro storico / Via Roma

Fondazione Arena. Per il suo rilancio raccolte in poco tempo oltre 4.000 firme

L'appello è stato lanciato dal notaio Sergio Noto e dall'ex consigliere regionale del PD Roberto Fasoli e contiene quattro punti per la salvaguardia e la modernizzazione della Fondazione

Se i contributi raccolti dall'Art Bonus non avessero già dimostrato la vicinanza dei cittadini alla Fondazione Arena, è partita anche una raccolta firme che secondo i promotori in pochissimi giorni ha avuto oltre 2000 adesioni in rete e almeno altrettante raccolte sui moduli cartacei che stanno circolando in tutti gli ambienti della città e non solo. "Firmano privati cittadini - si legge in una nota - uomini e donne delle più svariate collocazioni ed esperienze, accomunati dalla volontà di contribuire a creare le condizioni per dare un futuro alla Fondazione Arena e ai lavoratori e alle lavoratrici che in essa operano".

A lanciare questa raccolta firme sono stati il notaio Sergio Noto e l'ex consigliere regionale del PD Roberto Fasoli. "Ciò che convince le persone a sottoscrivere l’appello - scrive Fasoli - è lo spirito concreto e propositivo che lo caratterizza. I quattro punti indicati sono molto chiari: stabilità del teatro; integrità del personale nelle sue articolazioni professionali; razionale utilizzo delle potenzialità e costruzione di collaborazioni al livello territoriale e con altre istituzioni culturali; organizzazione più moderna e razionale. Tutto ciò con la finalità di un forte rilancio qualitativo della Fondazione Arena che è il simbolo di Verona nel mondo e contribuisce a garantire sostanziosi introiti anche sul piano economico al nostro territorio".

Per i promotori dell'appello è necessario un accordo ragionevole che parta dalla chiarezza assoluta sulla reale condizione del bilancio, presupposto per ogni azione di risanamento e di rilancio. Le trattative sono riprese, ma ancora non si sa se c'è una volontà vera di arrivare a un accordo che ponga le premesse per conseguire i risultati contenuti nell'appello, "per raggiungere i quali - continua Fasoli - serve un radicale rinnovamento nella gestione e nella direzione artistica del teatro. Non è in discussione il Festival estivo, che dovrà vedere al più presto definito il suo cartellone, ma la possibilità di continuare ad avere un teatro stabile che produca spettacoli e cultura tutto l’anno e si proponga un grande salto di qualità artistico e gestionale. Diversamente si prefigurerebbe una fase di triste ridimensionamento o peggio di declino di una istituzione prestigiosa".

Per questa ragione i promotori dell’appello si rivolgono alle istituzioni e alle forze economiche e sociali della città perché si creino le condizioni per arrivare a un risultato positivo e si dichiarano fin da subito disponibili a collaborare con quanti condividano i contenuti e le finalità dell’appello, teso a salvare e a rilanciare la Fondazione Arena di Verona. "Il tempo stringe - conclude Roberto Fasoli - e chi ne ha facoltà dovrebbe costruire un tavolo di confronto che sostenga il percorso e responsabilizzi tutte le forze della città. La posta in gioco è altissima e non è possibile sprecare alcuna energia e suggerimento".

La raccolta delle firme continua sia in rete sia sui moduli che stanno circolando.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Arena. Per il suo rilancio raccolte in poco tempo oltre 4.000 firme

VeronaSera è in caricamento