Raccolta differenziata, Amia si difende. PD: "Tempo perso per l'inceneritore"

I dati forniti dalla multiservizi indicano percentuali migliori, ma per il Partito Democratica la differenziata in città è ferma. "Non dovremmo permetterci di investire in Albania"

La raccolta differenziata è uno di quei fattori della graduatoria sulla vivibilità delle città italiane che ha fatto perdere posizioni a Verona. Secondo Ecosistema Urbano, nel capoluogo scaligero si producono ancora troppi rifiuti e la percentuale di quelli che si recuperano è relativamente bassa. Situazione contestata da Amia e dal suo presidente Andrea Miglioranzi: "Verona non porta direttamente in discarica il proprio rifiuto secco, ma lo tratta ulteriormente nell’impianto di Cà del Bue, dal quale ricava altre due frazioni recuperabili: il 33% viene utilizzato come terreno di copertura ed un altro 33% viene avviato a recupero energetico. Quindi solo il 34% delle 70 mila tonnellate annue di rifiuto secco, pari a 23.800 tonnellate annue, finiscono in discarica. Se applichiamo questi concetti, la raccolta differenziata sale al 53,2% ma il rifiuto effettivamente avviato a recupero è superiore all’82% nel caso reale, ed oltre al 91% in quello corretto dall’applicazione del coefficiente".

"Il vero problema è che non c'è un progetto certo per riattivare la raccolta differenziata in città", attaccano dalla minoranza i consiglieri Eugenio Bertolotti e Michele Bertucco. "Il blocco del piano di espansione del porta a porta nei grandi quartieri cittadini era dovuto ad una scelta politica dell'amministrazione che puntava a portare il rifiuto indifferenziato nell’inceneritore di Cà del Bue secondo il progetto da essa sostenuto - proseguono i due consiglieri - Visto che i nostri amministratori sono molto precisi, calcolino ora quanto ci è costato in termini di tempo, soldi buttati e lavoro dei tecnici, inseguire il progetto dei nuovi forni a Cà del Bue naufragato così miseramente". 

"Più di recente i vertici Amia e Agsm hanno deciso di investire in Albania - concludono Bertucco e Bertolotti - I numeri però ci dicono che ce ne sarebbe di lavoro da finire anche qui da noi. I cittadini rispondono positivamente sulla differenziazione dei rifiuti se l’amministrazione prepara le condizioni e fornisce gli strumenti adeguati, cosa che questo Comune non ha fatto o ha fatto male. Non si comprende altrimenti perché, a fronte di tutta la promozione che si fa nelle scuole, la città di Verona continui ad avere il tasso di produzione di rifiuti pro capite più alto di tutti i Comuni della provincia. Più serietà e un po’ di umiltà in più dovrebbe portare gli attuali amministratori a scusarsi per tutto il tempo che hanno fatto perdere ai cittadini e a chiarire come intendono recuperare il tempo perduto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento