rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Lungadige Galtarossa

Mangini saluta la città di Verona: "Spero di aver lasciato un buon ricordo"

Il Questore assumerà l'incarico di Consigliere Ministeriale presso la Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza a Roma. Al suo posto tornerà sulle sponde dell'Adige Ivana Petricca

Il 19 novembre, dopo più di due anni di permanenza in terra veronese, lascerò la direzione della Questura di Verona per assumere l'incarico di Consigliere Ministeriale presso la Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza a Roma. 

Mentre sta per chiudersi un'altra pagina importante della mia professionale, desidero porgere il più vivo e frato saluto a tutte le Autorità civili, militari e religiose, ai Parlamentari nazionali ed europei, ai Consiglieri Regionali e Locali, agli esponenti del mondo accademico e culturale, sociale ed economico, ai rappresentanti sindacali agli operatori dell'informazione ed a quanti mi sono stati vicini, offrendomi la propria disponibilità e collaborazione. 

L'esperienza veronese, assai intensa sotto l'aspetto istituzionale, mi ha arricchito tanto anche dal punto di vista umano, consentendomi di apprezzare le bellezze di una terra splendida ed accogliente, e le nobili tradizioni di una popolazione operosa e corretta. 

Nel suo interesse mi sono sentito impegnato, unitamente a tutti i miei validissimi collaboratori e in stretta comunione di intenti con le altre Forze di Polizia, per mantenere nel capoluogo e provincia condizioni di sicurezza adeguate, in relazione alle elevate aspettative ed alla più generale situazione del sistema-Paese. 

Spero di esserci riuscito, e di lasciare così un buon ricordo della mia permaneza a Verona. 

Con i miei più sentiti e sinceri auguri, ed un velo di malinconia, porgo distinti saluti. 

Questo il saluto dell'oramai prossimo ex Questore di Verona, Enzo Giuseppe Mangini, in procinto di ricoprire il suo nuovo ruolo nella capitale. 
Nel suo saluto alla stampa, Mangini ha ricordato l'operazione che ha consentito di ritrovare i quadri rubati al Museo di Castelvecchio e di arrestare la banda che aveva messo a segno il colpo, grazie ad un grande lavoro di squadra con le altre forze dell'ordine italiane ed internazionali.
Ma l'attuale Questore si è soffermato anche sui provvedimenti presi per consentire il regolare svolgimento delle partite di calcio di Hellas e Chievo al Bentegodi, nonostante l'inversione delle due curve abbia reso più complicate le operazioni. Provvedimenti per la pubblica sicurezza sono stati presi anche per gli spettacoli che ogni anno si svolgono in città, con particolare riferimento all'Arena di Verona, ritenuti possibili obiettivi di attacchi terroristici. 
Nel corso del suo mandato Mangini ha dovuto affrontare anche situazioni delicate, come tensioni sociali e politiche, oltre a diverse vertenze sindacali, come quella dello stabilimento Coca Cola di Nogara, dove l'intervento della Polizia ha messo fine alla protesta di alcuni lavoratori saliti sulla copertura. 

In conclusione Mangini ha ribadito come la zona veronese sia una delle più sicure, statistiche alla mano, nonostante la percezione di pericolo avvertita da alcuni residenti, alla quale devono rispondere le forze dell'ordine. 

Il nuovo Questore di Verona, che verrà presentato lunedì, è Ivana Petricca, che ha lavorato negli uffici di lungadige Galtarossa ricoprendo l'incarico di Capo di Gabinetto, oltre ad essere stata Questore a Pavia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mangini saluta la città di Verona: "Spero di aver lasciato un buon ricordo"

VeronaSera è in caricamento