menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Quattro arresti per spaccio a San Bonifacio

Quattro arresti per spaccio a San Bonifacio

Quattro arresti per spaccio a San Bonifacio

'Pizziacati' nell'allambito di un'operazione di contrasto agli stupefacenti

Ennesimo colpo dei carabinieri allo spaccio di stupefacenti. Ben quattro gli arresti perfezionati dai militari di San Bonifacio nell’ultima settimana.

Il colpo più duro nei confronti di due magrebini seguiti da tempo dagli uomini dell’arma. In manette sono finiti Zakaria El Mouddene, classe 1981, e Abdellah Bouhali, del 1978, operai che lavoravano in due fabbriche distinte di San Giovanni Ilarione. I due, che erano perfettamente inseriti nel tessuto sociale della zona in cui operavano, sono trovati con 450 grammi di stupefacente nascosti all’interno di un thermos. Con loro avevano anche circa 450 euro che, probabilmente, avevano incassato nelle ore precedenti dalla vendita della droga. Sono state le segnalazioni dei cittadini a mettere in allarme i carabinieri che hanno messo in piedi l’azione ed hanno condotto i due in carcere. Infatti, in sede di udienza, il Gip ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere.

Sempre nell’ambito del contrasto allo spaccio di droga è stato arrestato anche Antonio Madia, pluripregiudicato calabrese classe 1971, condannato ad un anno e cinque mesi per concorso in spaccio. L’uomo, già coinvolto in un’altra indagine che riguardava sempre la vendita di droga, è stato condotto al carcere di Montorio.


Infine, i carabinieri del Nor di San Bonifacio hanno tratto in arresto Stefano Guarda, classe 1981, trovato in possesso di 3 grammi di eroina confezionata in più dosi. Il giovane, che da tempo era nel mirino degli uomini dell’Arma, si era imbattuto in una pattuglia e, preso dal panico, aveva tentato di liberarsi dell’eroina. I carabinieri, notando il fare sospetto del ragazzo, hanno recuperato la droga e perquisito l’auto dell’uomo. All’interno dell’autovettura i militari hanno trovato, nascosta nella cuffia del cambio, la droga confezionata. Ulteriori indagini nell’abitazione del giovane hanno portato al ritrovamento di un quantitativo di hashish e di un bilancino di precisione usato per confezionare i pacchetti di droga. In sede di giudizio il giudice ha convalidato l'arresto di Guarda e disposto la misura dell'obbligo di firma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento