rotate-mobile
Cronaca San Zeno / Corso Castelvecchio

Quadri di Castelvecchio ancora in Ucraina: "Una vicenda gestita male da Tosi"

L'Onorevole del Movimento 5 Stelle Mattia Fantinati attacca sul mancato rientro delle opere trafugate a novembre: "Chiunque avrebbe capito l'immediatezza e l'urgenza non solo della perizia ma anche del restauro"

A quattro mesi dal ritrovamento, i 17 capolavori di Castelvecchio restano ancora in Ucraina. Come se non bastasse, il Paese vive una escalation di crisi e violenze, con conseguente volontà, da parte di Poroshenko, di introdurre la legge marziale. Lo stesso presidente che ricevette dalle mani di Tosi, lo scorso giugno a Kiev, il conferimento della cittadinanza onoraria veronese.

Una vicenda gestita male dal sindaco, fin dal principio.

Quattro mesi fa, pochi giorni dopo il ritrovamento delle preziose tele, la Dottoressa Paola Marini, partì immediatamente per l’Ucraina, dichiarando (era il 27 maggio), in qualità di perito insieme ad Ettore Napione, che le preziose tele avevano danni non gravi ma diffusi.

"Le tele sono state tagliate via dal telaio e manca la cornice di un quadro, il San Girolamo di Jacopo Bellini. Per una stima più approfondita dei danni però è necessario attendere la perizia di restauro".

Chiunque avrebbe capito l’immediatezza e l’urgenza non solo della perizia ma anche del restauro, ma Tosi no, ha preferito che le tele rimanessero fino al 13 giugno esposte a Kiev per una mostra temporanea con tanto di conferimento al presidente Poroshenko della già citata, cittadinanza onoraria.

A quattro mesi dal ritrovamento, a quasi tre dal termine della mostra temporale ucraina, le tele non sono ancora esposte a Castelvecchio e vane sono state le promesse di grandi cerimonie estive per il ritorno a Verona.

Assurdo. I quadri sono stati trafugati lo scorso novembre e forse Tosi non ricorda che i capolavori sono un patrimonio di tutti i veronesi e non capisce che devono ritornare al più presto in città, senza se e senza ma.

Urge una presa di posizione dura e determinata, con il ritiro immediato della cittadinanza onoraria a Poroshenko e una delegazione di esperti che possa andare a recuperare le tele affidando loro il restauro.

Queste le parole dell'Onorevole del Movimento 5 Stelle Mattia Fantinati, sulla spinosa questione delle opere rubate a Castelvecchio il 19 novembre 2015 e ritrovate poi in primavera ma non ancora rientrate a Verona. I quadri infatti sono rimasti a Kiev per essere esposti in una mostra temporanea, al termine della quale sarebbero dovuto tornare al loro posto nel museo veronese. Questo però non è ancora accaduto, mentre in Ucraina le tensioni sociali sono alle stelle e la situazione della Crimea complicherebbe i rapporti tra Poroshenko e Putin, impedendo al presidente ucraino di recarsi in visita ufficiale in Italia per consegnare le opere trafugate. 
Viene da chiedersi allora se non sia possibile fare rientrare intanto i dipinti e rimandare l'arrivo di Poroshenko, in attesa che la situazione nell'est europeo torni ad essere più distesa. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quadri di Castelvecchio ancora in Ucraina: "Una vicenda gestita male da Tosi"

VeronaSera è in caricamento