Accoltellò quasi a morte un 41enne nella metro a Milano: pusher arrestato a Verona

L'episodio dell'aggressione risale al 21 agosto scorso, mentre oggi è avvenuto l'arresto a Verona del cittadino gambiano di 25 anni accusato di tentato omicidio. Attualmente, l'autore dell'aggressione era in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari

l'aggressione nella metro

Fu una questione di pochissimi secondi, come riportato da MilanoToday, in brevissimo tempo l'aggressore, armato con un coltello lungo 20 centimetri, aveva scavalcato il tornello che porta al mezzanino della fermata metro Pasteur a Milano, e raggiunse il suo obiettivo. Un uomo che era appena entrato dal medesimo tornello. Una manciata di framela sequenza dell'accoltellamento è rimasta immortalata nei nastri delle telecamere di video sorveglianza - e poi si vedono i due soggetti uscire dall'inquadratura.

Guarda il video dell'aggressione

Le immagini mostrano il ragazzo con la lama insanguinata fuggire da dov'era arrivato mentre un'altra inquadratura mostra la sua vittima accasciarsi a terra. Il resto è poi testimoniato da una foto. Il ferito è in un lago di sangue fotografato da alcuni passanti, tanto che lo scatto finisce su Facebook. Un episodio, avvenuto il 21 agosto, che sembrava avvolto nel mistero più totale: il ferito, un italiano di 41 anni con precedenti per droga, si era successivamente trincerato in un silenzio che poco aveva aiutato i poliziotti nelle indagini.

post facebook accoltellato metro milano-2
Post Facebook accoltellato metro - MilanoToday

Un episodio alla fine risolto però con successo nella mattina di venerdì 28 settembre, a oltre un mese di distanza. Gli agenti del Commissariato Greco Turro in questo lasso di tempo sono riusciti a ricostruire la vicenda e soprattutto a rintracciare il violento. A Verona è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio C. Y., un cittadino gambiano di 25 anni. Secondo la ricostruzione del diverbio, sembra che l'accoltellamento fosse stata la vendetta del 25enne, presunto spacciatore conclamato, contro un cliente - il 41enne - che non aveva pagato una dose di cocaina. Per questo l'uomo lo aveva seguito fino in metro, come confermato dalle immagini, della stazione Pasteur sulla M1.

La lama aveva poi perforato in diversi punti gli arti superiori dell'italiano. Sottoposto ad un intervento chirurgico, il 41enne aveva riportato 45 giorni di prognosi. C.Y., attualmente era in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari, in suo possesso dal 2016. Il rinnovo del permesso gli era stato negato proprio in virtù della condotta criminale del giovane, arrestato per droga il 13 luglio e l'8 agosto. Un'estate 'movimentata' per il pusher gambiano, culminata con il tentato omicidio in metropolitana e il vano tentativo di fuga.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

  • Due semafori abbattuti da auto: sanzionati un uomo e neopatentata positiva all’etilometro

Torna su
VeronaSera è in caricamento