menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalla Puglia a Malcesine per seguire la ex: stalker accusato di rapina e lesioni

Vani i tentativi della donna di tenere le distanze dall'ex compagno, che non voleva arrendersi alla fine della loro relazione conclusasi dopo circa due anni

Non ha voluto arrenderis alla fine della loro relazione, così dalla Puglia l'ha seguita fino sul Lago di Garda, dove lei si era trasferita per fare la stagione, e ora dovrà rispondere delle accuse di rapina, stalking e lesioni. 

L'ennesima storia di persecuzione nei confronti di una donna da parte dell'ex compagno, viene raccontata sulle pagine de L'Arena. D.F. è comparso giovedì mattina davanti al giudice Guidorizzi, al quale ha cercato di spiegare il proprio comportamento, senza però riuscire a convincere il magistrato che gli avrebbe anche chiesto: "Senta, la ragazza è venuta a Malcesine e ha fatto in modo che lei non lo sapesse, non le pare che sia chiaro che non vuole parlarle e che ne ha tutto il diritto?". L'uomo però non voleva sentire ragioni e ha continuato a ripetere che stavano insieme da un paio d'anni, quando lei avrebbe iniziato a comportarsi in maniera strana, fino a quando non aveva deciso di lasciarlo. D.F. poi aveva scoperto la ex si trovava a Malcesine e aveva iniziato a mandarle messaggi minacciosi, fino a quando non è partito a sua volta per il comune veronese. "Noi abbiamo vissuto insieme e poi non mi ha spiegato cosa è successo, io volevo riprendere la relazione", ha affermato l'uomo, come riporta il quotidiano L'Arena. 
Il suo inseguimento però si è concluso mercoledì, quando ha reso vano il tentativo di lei di tenerlo a distanza. Al momento dell'incontro, D.F. avrebbe iniziato a strattonarla e a minacciarla, prima di strapparle di mano e romperle il cellullare per evitare che chiamasse i carabinieri. Ma la ragazza, che lo aveva già denunciato presso la stazione del comune di appartanenza, è riuscita comunque sporgere denuncia e lo stalker è stato arrestato il giorno stesso. Ora è costretto a vivere a Bari almeno fino a gennaio, oltre a non poter comunicare con lei e i suoi familiari, e naturalmente gli è stato perentoriamente vietato di avvicinarsi alla donna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid-19, nessun caso in sei Comuni: i dati sulla provincia di Verona

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento