menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Provincia, serve un piano di contenimento per le nutrie

Nel solo 2012 ne sono stati abbattuti 8000 esemplari. L'animale provoca seri danni all'agricoltura, urge quindi trovare una soluzione al problema

 

In Sala Rossa al Palazzo Scaligero, l'assessore all'Ambiente Fabio Venturi ha illustrato le nuove modalità operative di abbattimento delle nutrie per l'anno 2012.
 
Nei primi sei mesi di quest'anno sono già stati abbattuti più di 8.000 esemplari. La nutria provoca seri danni all'agricoltura e rappresenta una minaccia per la vita stessa degli agricoltori. Per questo motivo, è stato necessario un vertice in Prefettura che ha stabilito le nuove misure per contrastare l'allarme.
Dall'incontro indetto dal Prefetto e Commissario per l'alluvione Perla Stancari, è emersa la  necessità di individuare una strategia di contenimento della nutria nella provincia veronese. 
Incontri simili verranno a breve organizzati in tutte le province del Veneto per creare un ampio coordinamento istituzionale e tecnico che coinvolga tutto il territorio regionale e che porti alla definizione concertata delle azioni da intraprendere. Le soluzioni individuate al momento consistono nell'utilizzo di gabbie con esca acquistate anche grazie al contributo dei Comuni,  e in battute di caccia da parte di volontari, a cui saranno riconosciuti risarcimenti economici. 
 
Assessore all'Ambiente – Fabio Venturi: “Per affrontare l'emergenza nutrie divenuta ingestibile a livello locale, si è deciso nella riunione di ieri in Prefettura di attuare un piano di coordinamento tra diversi enti, tra cui la Provincia, i Comuni, la Protezione Civile, le Ulss. Il  protocollo della Regione del Veneto ha attribuito alla Provincia il ruolo di capofila del progetto, prima iniziativa del genere a livello nazionale. Il problema sta assumendo dimensioni rilevanti in quanto diffuso in tutto il nostro territorio, sia nelle campagne che sul lago di Garda. La presenza di questo animale, infatti, rappresenta un grande rischio per le produzioni agricole e per gli argini dei corsi d'acqua, spesso frequentati da cittadini e turisti. La nostra provincia è una delle più organizzate in questo ambito, proprio perché il territorio è particolarmente popolato da questi esemplari. La preoccupante situazione richiede, dunque, la sinergia tra i diversi enti al fine di realizzare una migliore comunicazione, un tempestivo intervento e lo snellimento delle pratiche per la caccia”.
 
Funzionario della Provincia di Verona - Ivano Confortini: “La nutria è un animale in grado di riprodursi a ritmo esponenziale e di adattarsi molto facilmente al nostro ambiente. La campagna veneta con i suoi 4.000 km di corsi d'acqua è diventata, nel tempo, l'habitat ideale per questo roditore. Gli animali infestano più del 70% del territorio coltivato, andando ad intaccare le produzioni e i conseguenti interessi economici locali. Ogni anno, infatti, vengono denunciati dagli agricoltori danni per il valore di 100.000 euro, senza contare quelli provocati agli argini dei canali. È utopistico pensare di poter sradicare la specie, il nostro obiettivo è quello di contenerla.
I metodi di abbattimento che utilizzeremo sono due: le gabbie, 1200 già dislocate, e le battute di caccia dei volontari. Impensabile sarebbe invece la sterilizzazione. L'incontro di ieri ci permette di individuare un piano di contenimento che non risponda solo all'emergenza momentanea, ma  si sviluppi piuttosto sul lungo periodo”.
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento