Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca Lungadige Antonio Galtarossa

Protesta dei metalmeccanici a Verona e Legnago per il contratto nazionale

Le manifestazioni sono state organizzate a livello nazionale dai sindacati per la situazione di stallo che si sarebbe creata con Finmeccanica: registrato qualche rallentamento al traffico ma nessun problema di ordine pubblico

Due manifestazioni si sono tenute nella mattinata di mercoledì con protagonisti i metalmeccanici veronesi, i quali protestavano per il mancato rinnovo del contratto nazionale scado il 31 dicembre 2015. 
Nel primo caso i lavoratori si sono riuniti nei pressi delle ex acciaierie Galtarossa, a Verona, dando vita ad una protesta pacifica che ha provocato al massimo qualche rallentamento al traffico, a causa del volantinaggio che era stato preannunciato. 
Il secondo corteo invece si è tenuto a Legnago, sul ponte Fior di Rosa: anche qui qualche piccolo problema alla viabilità ma niente di particolarmente grave, con i metalmeccanici che hanno informato i passanti sulla situazione con striscioni, bandiere e volantini. 
Sul posto le forze dell'ordine, che si sono assicurate che tutto procedesse senza intoppi, contando circa un centinaio di persone per ogni presidio, mentre sarebbe stata presente qualche decina di unità in più secondo i promotori.

La manifestazione delle Tute Blu è stata organizzata a livello nazionale da Fiom Cgil, Fim Cisl ed Uilm, per protestare contro l'offerta di rinnovo messa in tavola da Federmeccanica, giudicata insoddisfacente sia sul piano degli aumenti (che toccherebbero solo una minima parte dei dipendenti), sia sulla questione dell'integrativo, che andrebbe ancora a sommarsi al contratto nazionale. Ma anche altri aspetti (come le ore di permesso annuale e gli scatti anzianità) si trovano al centro della discussione tra le due parti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta dei metalmeccanici a Verona e Legnago per il contratto nazionale

VeronaSera è in caricamento