Piazzale Guardini, sono tornate le prostitute. Richiesti ancora più controlli

Più che di sicurezza, è una questione di decoro, perché in quella zona transitano ogni giorno migliaia di studenti con i loro genitori

Più che di sicurezza, in piazzale Guardini è una situazione di decoro. Come quando qualche mese fa furono allontanate due prostitute che esercitavano in macchina. La loro presenza non suscitava insicurezza, ma un po' di fastidio sì, perché in quella zona transitano ogni giorno migliaia di studenti con i loro genitori. 

Ora le prostitute sono tornate in piazzale Guardini, come scrive Laura Perina su L'Arena. A volte sono due, altre volte sono anche di più, giovanissime e probabilmente sorvegliate dai loro protettori. Passeggiano nel piazzale e ai lati delle strade oppure sono sedute vicine a dei cespugli. Cercano clienti e spesso fermano i genitori degli studenti, alcuni dei quali si sono lamentati con i dirigenti scolastici. E proprio dai genitori è partita una petizione, che anche gli istituti scolastici sottoscriveranno per chiedere ancora più controlli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dirigenti sentiti dal quotidiano locale hanno ribadito che non c'è nessun problema riguardante la sicurezza. Sono state però inoltrate alcune segnalazioni alle forze dell'ordine, perché la situazione comincia ad essere eccessivamente fastidiosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento