Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Stadio / Via Giovanni Pascoli

Palazzine in via Pascoli: il progetto si farà per forza, ma potrà essere rivisto

Le numerose proteste e la raccolta di firme per fermare la costruzione di vari palazzi da quattro fino a sette piani in un'area residenziale come quella compresa tra Borgo Milano e zona Stadio, non hanno sortito l'effetto sperato: il progetto si farà

Nulla da fare per i cittadini e residenti di Verona nella'area compresa tra la zona Stadio e Borgo Milano: i palazzi e le torri in via Pascoli si faranno, in barba alle numerose proteste e alla raccolta firma dei contrari al progetto. Destinati dunque a scomparire anche qugli ultimi appezzamenti di terreno verde rimasti nell'area: al loro posto nuove palazzine, nello specifico due torri da sette piani ciascuna, altri edifici da quattro piani e ulteriori cinque palazzi su sei piani. Non esattamente un progetto dal basso impatto ambientale in sostanza. Ma oramai alea iacta est, è troppo tardi per tornare indietro: il processo di costruzione è già in atto e non è più reversibile.

L'assessore all'Urbanistica Gian Arnaldo Caleffi si è tuttavia detto disponibile ad una revisione del progetto, che in sostanza dovrebbe consistere in una riduzione dei piani in altezza. Poichè, come riferito anche dall'Arena, una delle maggiori preoccupazione dei residenti in quella zona, nonché motivo scatenante della protesta, è proprio la preesistenza di abitazioni relativamente "basse" che inevitabilmente verrebbero ad essere letteralmente oscurate dall'eventuale costruzione di palazzine vertiginose. Sul tema come riporta l'Arena, è intervenuto anche il capogruppo in Consiglio comunale Michele Bertucco: "La maggior parte delle case è di pochi piani; le torri oscureranno la visuale, oltre a provocare problemi di traffico e di sosta in una zona con vie strette e spesso prive di marciapiede".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzine in via Pascoli: il progetto si farà per forza, ma potrà essere rivisto

VeronaSera è in caricamento