menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Mattia Garau, Silvia Bertini e Giuliano Rigo

Da sinistra: Mattia Garau, Silvia Bertini e Giuliano Rigo

Filo diretto tra agricoltore e cliente: tre veronesi rilanciano il "Km Zero"

I giovani laureati hanno fatto nascere a Villa Bartolomea una società che si occupa di scegliere e acquisire, da produttori del posto, frutta e verdura per poi consegnarla a chi lo desidera, senza intermediazione

Con una buona dose di simpatica autoironia, segnale di spiccata intelligenza, tre giovani laureati hanno chiamato la loro piccola società ‘Testa di Rapa!’. Di testa, invece ne hanno tanta e di qualità, perché la loro iniziativa è di grande e positivo significato, non solo sul piano imprenditoriale, ma anche sociale”.

Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, si è voluto complimentare con tre giovani laureati veronesi che, a Villa Bartolomea, hanno creato una piccola società che si occupa di scegliere e acquisire da produttori del posto frutta e verdura per poi consegnarla a chi lo desidera, senza intermediazione, entro 48 ore, occupandosi, in prospettiva, anche di persone disagiate.

“Silvia Bertini, Mattia Garau e Giuliano Rigo – prosegue Zaia – hanno dato vita ad una vera e propria sublimazione del prodotto a Chilometro Zero, con un’inventiva ed una concretezza da indicare ad esempio. Nella loro iniziativa vedo realizzato con gioia quello per cui mi sono tanto battuto quando ero ministro delle Politiche agricole: la valorizzazione dell’agricoltura del territorio, dei prodotti locali, della loro diffusione e fruizione laddove vengono raccolti. Ho sempre creduto nel lavoro e nelle potenzialità dei giovani in agricoltura – conclude il presidente - e questa esperienza di Villa Bartolomea rafforza la mia convinzione”. I tre veronesi hanno deciso di creare un filo diretto tra produttore-raccoglitore e cliente-consumatore della Bassa. Sei mesi di preparazione sono serviti a mettere a punto l'attività, dopo un corso di specializzazione promosso dalla Coldiretti di Rovigo. Le parole d'ordine saranno quindi "valorizzazione, territorio, risparmio" a cui si aggiunge "genuità". Sia del progetto che della freschezza dei prodotti stessi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento