rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Stadio / Piazzale Olimpia

Delitto Bencheikh, chiesto l'ergastolo per l'omicidio e la dispersione dei resti

Rito abbreviato per i due imputati, Agim Ajdinaj e il fratello Vezir. Per il primo, l'accusa ha chiesto il massimo della pena. Per il secondo, sei anni di reclusione

Si è celebrato ieri, 5 febbraio, nel tribunale di Verona, il processo con rito abbreviato che vede imputati Agim Ajdinaj e il fratello Vezir. Per il primo, il sostituto procuratore Giovanni Pietro Pascucci ha chiesto l'ergastolo per i reati di omicidio volontario, distruzione e soppressione di cadavere. Per il fratello, la pena richiesta dall'accusa è di sei anni di reclusione per distruzione e dispersione di cadavere, come riportato da TgVerona.

Agim Ajdinaj, albanese di 52 anni, è il reo confesso dell'omicidio di Khadija Bencheikh, la compagna marocchina di 46 anni con cui conviveva in piazzale Olimpia a Verona. Il 29 dicembre del 2017, i due avrebbero discusso e durante la lite l'imputato avrebbe ucciso la donna. Per coprire il delitto, l'uomo avrebbe fatto a pezzi il corpo di Khadija e lo avrebbe portato in un campo nella località Gardoni a Valeggio sul Mincio, sperando che gli animali selvaggi potessero far sparire i resti della vittima.

Per l'accusa, il fratello di Agim, Vezir Ajdinaj avrebbe collaborato nella distruzione del cadavere, ma l'uomo si è difeso ammettendo di aver preso parte all'occultamento dei resti, ma non alla soppressione del corpo senza vita della 46enne.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto Bencheikh, chiesto l'ergastolo per l'omicidio e la dispersione dei resti

VeronaSera è in caricamento