'Ndrangheta, processo di Brescia. Il veronese Moreno Nicolis assolto

In totale gli imputati erano 16. Sei sono stati assolti, tra cui Nicolis, e dieci sono stati condannati con pene che superano i 100 anni di carcere

Estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi e l'aggravante peggiore, quella di associazione a delinquere di stampo mafioso. Erano queste le accuse mosse a vario titolo ai 16 imputati del processo terminato a Brescia e partito in seguito ad un'inchiesta dell'antimafia del 2015.

Toccato dalle indagini e imputato nel processo anche il veronese Moreno Nicolis, della ditta Nico.Fer, azienda interdetta dai bandi pubblici proprio per possibili infiltrazioni mafiose. Nicolis è arrivato in fondo al processo, insieme agli altri 15 accusati, e ne esce assolto perché il fatto non sussiste. Il suo nome figura tra i sei assolti, mentre sono dieci le condanne, come riporta Ansa, con pene che complessivamente arrivano a 109 anni e 6 mesi di reclusione. La pena maggiore è stata inflitta al boss della 'ndrangheta Nicolino Grande Aracri, capo dell'omonima cosca, che dovrà scontare 28 anni di carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Una persona travolta da un treno a Verona: sospeso il traffico ferroviario

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

Torna su
VeronaSera è in caricamento