rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca San Zeno / Stradone Antonio Provolo

Abusi al Provolo in Argentina, cominciato il processo a Nicola Corradi

Il sacerdote veronese di 83 anni è accusato insieme ad un altro religioso e ad un dipendente dell'istituto di abusi sessuali, corruzione di minori e maltrattamenti

È iniziato ieri, 5 agosto, il processo che vede imputati due sacerdoti ed un dipendente dell'istitito Provolo di Lujan de Cuyo, in Argentina. I tre sono accusati di aver abusato dei bambini con disabilità che erano stati affidati alle cure dell'istituto e tra di loro c'è anche il sacerdote veronese 83enne Nicola Corradi.

Primo giorno di processo e prime complicazioni, come riportato da Roxana Badaloni sul quotidiano argentino Clarin. Gli avvocati difensori hanno infatti chiesto che le vittime tornassero a testimoniare durante il processo e che le loro dichiarazioni, rilasciate con il sistema della Camera di Gesell, non fossero utilizzate come prova. Il pubblico ministero si è opposto alla richiesta dei difensori e si è quindi giunti al primo stallo, che dovrà essere presto superato.
Nel frattempo, sono state formalizzate le accuse verso gli imputati, i quali devono rispondere di abusi sessuali, corruzione di minori e maltrattamenti. E in caso di condanna, gli accusati rischiano complessivamente 50 anni di carcere.

Inoltre, l'avvocato di Nicola Corradi ha dichiarato che il suo assistito soffre di problemi di udito e ha chiesto una trascrizione di ogni intervento del processo, in modo tale che il sacerdote possa comprendere cosa accade attorno a lui.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi al Provolo in Argentina, cominciato il processo a Nicola Corradi

VeronaSera è in caricamento