Primo giorno, ma la scuola non è pronta. Donazzan: "Carenza di docenti"

L'assessore regionale ha evidenziato le criticità ancora presenti nel mondo scolastico alla vigilia della prima campanella, tra cui anche la presenza di ancora troppe classi numerose

Domani, 13 settembre, suonerà la prima campanella dell'anno scolastico 2017/2018. Nel veronese gli studenti che torneranno a sedere sui banchi saranno oltre 110 mila, mentre il numero dei docenti è ancora incerto. L'unica certezza è che la quantità di insegnanti non è ancora sufficiente.

Rispetto al caos totale dell’'anno scorso questo inizio di anno scolastico si presenta con condizioni di organico decisamente migliori, anche se l'iniziativa del governo sui vaccini ha generato molta confusione e il fabbisogno di posti di personale tecnico e amministrativo e di personale docente rispetto alle reali esigenze del Veneto resta una criticità.

È stato questo il commento dell'assessore regionale Elena Donazzan alla vigilia dell'apertura del nuovo anno scolastico. Tra le criticità ancora aperte e segnalate dall'assessore Donazzan ci sono l'esigenza di aprire più sezioni a tempo pieno, la carenza di insegnanti di sostegno e il numero ancora elevato di classi troppo numerose per accogliere alunni con difficoltà di apprendimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lavoreremo con le università del Veneto affinchè si organizzino per formare tutti gli insegnanti di cui abbiano bisogno - ha detto Donazzan - Resta inoltre aperta la grave situazione dei presidi: troppe reggenze, nonostante le ripetute sollecitazioni, alle quali il governo non ha dato risposta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento