Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Torri del Benaco

Problema in fase di risalita per due sommozzatori dei vigili del fuoco sul Garda: portati in ospedale

Stavano partecipando ad un'esercitazione nella zona di Torri del Benaco, alla quale partecipavano i nuclei di Venezia e Bologna, quando si sono accorti che qualcosa non andava: ora si trovano in osservazione a Borgo Trento in via precauzionale

Due sommozzatori dei vigili del fuoco sono stati portati in ospedale, dopo un problema nella fase di risalita al termine di un'immersione nel lago di Garda nella mattinata di giovedì: fortunatamente le conseguenze non sarebbero gravi. 

Il tutto si è verificato nella zona di Torri del Benaco, intorno alle 11.30, dove si erano diretti i nuclei di Venezia e Bologna per svolgere alcune esercitazioni. Si tratta di personale esperto che da anni pratica questa attività, spesso richiesta nelle situazioni di grande emergenza o nelle ricerche, per la quale è fondamentale tenersi in esercizio così da farsi trovare pronti in caso di necessità. 
Qualcosa però nel corso dell'esercitazione deve essere andato storto e i professionisti dei vigili del fuoco se ne sarebbero subito accorti, tanto da immergersi nuovamente in acqua per contenere eventuali problemi: il rischio maggiore di una risalita troppo rapida da un'immersione subacqua infatti è quello che si formi un'embolia gassosa che porti il sub alla morte. 
È stato quindi avvisato il 118, che ha inviato sul posto il proprio personale con ambulanza ed elicottero, per fornire le prime cure ai due pompieri del nucleo veneto: per sicurezza, i due sono stati trasportati all'ospedale di Borgo Trento dove sono stati messi sotto osservazione. I vigili del fuoco specificano che si tratta di una misura precauzionale e che i due uomini stanno bene. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Problema in fase di risalita per due sommozzatori dei vigili del fuoco sul Garda: portati in ospedale

VeronaSera è in caricamento