rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Santa Lucia e Golosine / Via Dora Baltea

Oltre 50 veicoli intestati ma nullatenente: prestanome scoperto a Verona

A portare alla luce la situazione del 40enne è stato il sistema Giano in dotazione alla Polizia Locale, che nelle ultime due settimane ha permesso anche di sequestrare 21 veicoli privi di assicurazione o con una polizza falsa

Altro prestanome sgominato. Grazie ad una segnalazione dei residenti per un veicolo abbandonato, la Polizia locale di Verona è riuscita a risalita all’identità di un cittadino romeno di 40 anni, intestatario di oltre 50 veicoli ma agli atti nullatenente. È stata sequestrata in via Dora Baltea, una Renault Laguna, priva di assicurazione, che le forze dell'ordine ritengono possa essere stata utilizzata per compiere reati sul territorio.
Ancora una volta, il sistema Giano, accedendo alle diverse banche dati, ha permesso di incrociarne i risultati e identificare l’uomo, a carico del quale era già stato emesso un provvedimento di blocco anagrafico da parte della Procura di Milano, dopo diversi accertamenti degli agenti e dei carabinieri del capoluogo lombardo.

Anche sul fronte delle truffe assicurative, Giano si rivela indispensabile. Nelle ultime due settimane sono stati 21 i veicoli sequestrati dalla Polizia locale in quanto privi di assicurazione, tre dei quali con polizza venduta da soggetti non autorizzati, e quindi falsa. L’appello degli agenti è di prestare la massima attenzione alle Rc auto fatte online, controllando prima il sito dell'IVASS. Proprio lo scorso 5 marzo sono stati ben 10 i portali abusivi segnalati dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni: www.24hassicuraonline.com, www.b-one-assicurazioni.it, www.agenziagenovesi.com, www.bbroker.online, www.assicurafacile-online.com, www.broker-russino.it, www.assicurafacileonline.com, www.cutronerc.it, www.assicurazione-facile.com, www.gruppoloisrl.com.

L’IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefoniche (anche via WhatsApp), soprattutto se di breve durata. E di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati, direttamente sul sito www.ivass.it.

«Ho ricevuto personalmente la segnalazione, che ha portato alla scoperta dell'ennesimo prestanome - spiega l’assessore alla Sicurezza Marco Padovani -. E subito abbiamo messo in campo le contromosse necessarie contro chi pensa di delinquere nella nostra città. Partite immediatamente le indagini per bloccare veri e propri reati o comportamenti irregolari Per questo voglio ringraziare quei cittadini, attenti e collaborativi, che sono i nostri occhi sul territorio. Oltre ai nostri agenti per l’incessante lavoro di verifica. L’attenzione deve essere massima, soprattutto in questo periodo, perché le truffe aumentano e sono dietro l’angolo. Meglio fare un controllo in più prima di affidarsi a persone poco serie e rischiare di non avere poi copertura assicurativa».

«L’invito è quello di denunciare ogni possibile truffa assicurativa – afferma il comandante della Polizia locale Luigi Altamura -, per permettere l'individuazione dei responsabili e soprattutto di segnalare subito all’IVASS i nuovi siti che ogni giorno vengono aperti con l'unico scopo di attirare i clienti con tariffe promozionali ma che nascondono veri e propri inganni».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 50 veicoli intestati ma nullatenente: prestanome scoperto a Verona

VeronaSera è in caricamento