Presidio di protesta dei lavoratori a Sanguinetto: "Per Unilever siamo solo numeri"

Scatta lo sciopero dopo la decisione dell'azienda di mettere in mobilità 42 dipendenti

Il presidio davanti alla Unilever di Sanguinetto - foto Facebook S. F. Cgil Verona

Comme già annunciato ieri e poi confermato in queste ore dalla Cgil Verona, i lavoratori della Unilever di Sanguinetto da questa mattina hanno iniziato lo sciopero di protesta contro la decisione dell'azienda di mettere in mobilità 42 dipendenti su 204, vale a dire circa un quinto della complessiva forza lavoro. Plateale e simbolica la forma di protesta scelta dai manifestanti: ai cancelli sono stati appesi per l'appunto 42 cartelli, tutti progressivamente numerati e con la scritta "Per Unilever siamo solo numeri".

Il presidio da parte dei lavoratori è scattato verso le ore 6 e dovrebbe proseguire fino a sera. La proprietà e sindacati si sono incontrati già due volte, ma fino ad oggi non c'è stato alcun ripensamento da parte dei vertici della multinazionale. In molti temono che la procedura di mobilità possa essere l'avvio di una progressiva riduzione della produzione nello stabilimento veronese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per questo verso le ore 12 odierne è stato fissato un incontro con il primo cittadino di Sanguinetto che riceverà in Comune una delegazione composta da rappresentanti dei lavoratori in sciopero e da componenti delle sigle sindacali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento