Concorso di poesia Fidas “La carezza di un verso”: vincono due ragazze

“Dona a chi ami ali per volare”, premiati in Biblioteca Civica i vincitori della sesta edizione del concorso di poesie Fidas “La carezza di un verso”

Sono stati premiati in Biblioteca Civica durante la giornata di ieri, sabato 13 febbraio, i vincitori del premio di poesia “La carezza di un verso”, organizzato da Fidas Verona, in collaborazione con il Comune scaligero. Per la sesta edizione del concorso, inserito nella manifestazione Verona in Love, sono giunte 57 poesie da ogni parte d’Italia.

Quest’anno Fidas Verona ha proposto come tema “Dona a chi ami ali per volare”, citazione del Dalai Lama Tenzin Gyatso, premio Nobel per la pace nel 1989. Partendo da questo spunto, i partecipanti hanno sviluppato le loro poesie, liberando la fantasia e ricordando, in versi, l’importanza della donazione del sangue.

È risultata vincitrice della categoria under 30 Giulia Bottacini di Soave, premiata dall’assessore al turismo Marco Ambrosini; una menzione speciale è andata alla giovanissima Margherita Bologna di Verona, che a soli 9 anni ha composto uno speciale “Rap del donatore”. Vincitrice della categoria over 30 è stata Nerina Poggese di Cerro Veronese, con la poesia “Inonda di vita”. Si sono classificati invece secondi, ex aequo: Beatrice Portioli di Verona con “Desiderio d’azzurro” e Davide Zambelli di San Giovanni Lupatoto con “Il volo della vita”. Le poesie vincitrici, vagliate da una giuria presieduta da Mariasara Bertagna, saranno ora pubblicate sul sito web www.fidasverona.it.

«Il concorso sta diventando un appuntamento irrinunciabile di Verona in love: ogni anno registriamo una crescente partecipazione, segnale di interesse verso la poesia e il mondo della donazione», evidenzia Rolando Imperato, presidente della sezione Fidas Golosine e organizzatore del premio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Anche nella festa degli innamorati vogliamo evidenziare l’importanza di un gesto di solidarietà come quello del dono del sangue – dichiara Massimiliano Bonifacio, presidente di Fidas Verona –. Il bisogno di sangue è sempre elevato e occorrono nuovi donatori: nel 2015 Fidas Verona ne ha registrati 1.031 in più, ma non si deve mai abbassare la guardia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento