Immigrazione. ll prefetto Mulas: "Dobbiamo accogliere e dobbiamo farlo bene"

In giorni di grandi polemiche locali e nazionali sul tema dell'accoglienza profughi, è tornato a parlare da far suo il prefetto di Verona Salvatore Mulas, sottolineando come la situazione sia "assolutamente sotto controllo"

Parla il prefetto di Verona Salvatore Mulas, e lo fa in merito alla questione sempre attuale dell'accoglienza profughi. Il Tar del Veneto ha appena accolto il ricorso di 4 di loro che avevano avanzato contro il provvedimento che gli revocava l'ospitalità, emanato quest'ultimo da Augusta Marrosu ex prefetto della città di Treviso. Mulas ha commentato così questa decisione del Tar: "Sono un uomo dello Stato e quindi rispetto le sentenze".

Il prefetto scaligero a sua volta, poco tempo fa, si era trovato nelle condizioni di dover espellere otto nigeriani dalla struttura di Costagrande, in seguito ad episodi di violenza rinvenuti all'interno del centro d'accolgienza. Sulla questione il prefetto ha voluto sottolineare che "ogni episodio va valutato a sé, ogni caso ha la sua storia, con le motivazioni che portano ad assumere certi provvedimenti". Ad ogni modo ha poi proseguito spoecificando che "la situazione sul territorio è assolutamente sotto controllo, la copertura di vigilanza delle forze dell'ordine è straordinaria sotto ogni punto di vista".

Sempre di oggi è poi la notizia che il Ministero della Difesa ha fornito il suo nulla osta per l'utilizzo dell'ex alloggio ufficiali Nato sulle Torricelle, da adibire a nuova struttura d'accoglienza capace di ospitare oltre una cinquantina di migranti. Sul tema della scarsità di strutture disponibili, Mulas ha poi chiosato riferendo che è necessario fare il possibile, ma sempre rispettando le norme di idoneità delle aree da utilizzare per accogliere esseri umani: "Ci sono anche siti che non sono idonei. Noi dobbiamo accogliere e dobbiamo farlo bene. Bisogna dare un minimo di conforto. Qualcuno si propone con un capannone, magari anche nuovo, però mi pare indecente". Una frecciata quest'ultima che pare piuttosto ben mirata: in queste ore, infatti, si sta facendo il nome di un noto imprenditore che proprio alla prefettura avrebbe, in passato, comunicato la sua disponibilità ad ospitare i profughi all'interno di un capannone di sua proprietà, senza però poi ottenere alcuna risposta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento