menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia

Polizia

Accusato di numerosi furti di biciclette a Verona, 32enne finisce in carcere 

L'inizio delle indagini da parte della Squadra Mobile risale ad aprile scorso

In origine sarebbe stato "incastrato" proprio dagli agenti della Squadra Mobile il ladro di biciclette nei confronti del quale, secondo ciò che riferisce una nota della questura di Verona, ieri il giudice per le indagini preliminari avebbe applicato la misura della custodia cautelare in carcere. Risale allo scorso aprile, secondo quanto rivela la questura,  la prima occasione nella quale il 32enne salernitano si è trovato faccia a faccia con gli agenti che, insospettiti da un annuncio di vendita online, avrebbero simulato di essere dei potenziali acquirenti e si sarebbero presentati all’appuntamento con l’uomo, il quale sarebbe però poi risultato essere un ricettatore del velocipede in realtà provento di furto.

Il mese successivo, invece, la questura di Verona rivela che il 32enne sarebbe stato sorpreso dalle forze dell’ordine in via Negrelli, nei pressi di un condominio nel quale si sarebbe introdotto tentando di sottrarre due biciclette di proprietà di un residente. A giugno, di nuovo, l'uomo sarebbe riuscito a forzare, con l’uso di una trancia, il lucchetto di un garage e si sarebbe impossessato della bicicletta che il titolare custodiva nella rimessa. Non contento, nella stessa nottata, l’uomo si sarebbe introdotto in un altro box, all’interno del quale gli agenti di polizia lo avrebbero però bloccato. 

L’attività investigativa svolta dai poliziotti negli ultimi mesi, dunque, avrebbe infine portato gli inquirenti a ritenere che l’indagato avesse strutturato la propria vita impostandola sulla commissione di atti predatori, con modalità denotanti un vero e proprio modo di vivere. A fronte della sua personalità, dei precedenti penali plurimi, tutti per reati contro il patrimonio, nonché della tendenza comprovata a reiterare questo genere di crimini, il giudice avrebbe quindi accolto la richiesta del Pm di adottare nei confronti dell'indagato la misura cautelare della custodia in carcere, eseguita proprio nella giornata di ieri dai poliziotti della Squadra Mobile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento