Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Sommacampagna / Via Pigno

Maxi sequestro da parte della Polizia Stradale in un'area edificata abusivamente

Si tratta di un'autofficina che si occupava soprattutto di riparare vetture, scooter e moto, ma vi erano anche casette in legno completamente abusive, gazebi, piscina e allacciamenti vari alle utenze del tutto illegali

La Polizia Stradale ha portato a termine una complessa operazione che ha fatto emergere la presenza a Sommacampagna di un'azienda interamente abusiva edificata su un terreno decisamente ampio, per una superficie totale di circa 10.000 metri quadrati. Si tratta di un'autofficina che si occupava soprattutto di riparare vetture, scooter e moto, ma vi erano anche casette in legno completamente abusive, gazebi, piscina e allacciamenti vari alle utenze del tutto illegali. L'intera area è stata posta sotto sequestro dalle forze dell'ordine, risultando l'area edificata completamente senza alcuna autorizzazione, così come emerge dalla nota diffusa dalla Stradale a seguito dell'odierna, sabato 24 ottobre, conferenza stampa:

"Nell’ambito dell’attività di contrasto dell’abusivismo circa l’attività di riparazione dei veicoli, personale della Polizia Stradale di Verona, attraverso una complessa attività d’indagine posta in essere nei giorni precedenti all’accesso, ha portato all’individuazione di un’attività illecita di manutenzione e riparazione di motoveicoli realizzata in un capannone sito nell’area di proprietà della ditta nei pressi di Sommacampagna (Vr) località Pigno. 

L’accesso ha portato poi all’individuazione di numerosi illeciti in materia edilizia. L’area di circa 1.1 ettari di superficie (10.000 metri quadrati) è stata divisa a metà tramite un’alta siepe. La parte adiacente all’impianto di gestione rifiuti è stata abusivamente destinata a parcheggio dei veicoli industriali e dei container scarrabili dell’azienda. Il fondo del campo agricolo è stato battuto e stabilizzato mediante l’impiego di inerti di vario genere. La seconda parte dell’area, dotata di impianto di illuminazione e di videosorveglianza su tutto il perimetro, presenta opere di urbanizzazione, quali viali alberati, aiuole, prati all’inglese, strutture decorative, allacciamenti idraulici ed elettrici ottenuti mediante derivazioni dall’impianto elettrico industriale a 380 Volt dell’azienda srl e l’escavazione di pozzi.

Su tale porzione sono state realizzate senza alcun permesso a costruire le seguenti opere abusive: 1) N. 1 abitazione in legno di circa 56 metri quadrati di superficie, realizzata su platea in cemento, completamente arredata e dotata di allacciamenti elettrici ed idraulici, aria condizionata ed impianto tv satellitare con annesso gazebo di 10 metri quadrati di superficie; 2) N. 1 abitazione in legno di circa 90 metri quadrati di superficie, realizzata su platea in cemento, completamente arredata e dotata di allacciamenti elettrici ed idraulici, aria condizionata ed impianto tv satellitare, realizzate su platee in cemento, con 2 annesse tettoie per un totale di 45 metri quadrati; 3) N. 1 piscina di 55 metri quadrati di superficie con annesso solarium e palco rialzato di 16 metri quadrati, dotata di impianto di filtrazione dell’acqua, realizzata su platea in cemento, con annesso palco in legno di circa 20 metri quadrati di superficie; 4) N. 1 struttura prefabbricata in legno e ferro di circa 72 metri quadrati di superficie, realizzata su platea in cemento, completamente arredata, adibita a bar e ritrovo per un club di motociclisti, dotata di allacciamenti elettrici ed idraulici, aria condizionata, impianto TV satellitare; 5) N. 1 casetta in legno, realizzata su platea in cemento, di circa 25 metri quadrati di superficie, all’interno della quale è stato realizzato un locale sauna; 6) N. 1 casetta in legno di circa 10 metri quadrati di superficie, adibita a locale tecnico per la sauna e la piscina; 7) N. 1 gazebo di 18 metri quadrati di superficie; 8) N. 1 gazebo di 10 metri quadrati di superficie, adibita a ricovero auto; 9) N.1 gazebo di 30 metri quadrati di superficie, adibito a ricovero auto e moto; 10) N. 1 gazebo di 30 metri quadrati adibito a ricovero veicoli; 11) N. 1 gazebo di 12 metri quadrati; 12) N. 1 capannone adibito ad officina per attività di autoriparazione abusiva (mai effettuata comunicazione di inizio attività alla camera di Commercio di Verona) di circa 50 metri quadrati di superficie, realizzata su platea di cemento, dotato di allacciamenti elettrici ed idraulici, aria condizionata; 13) N. 4 moduli abitativi, uno di 20 metri quadrati e 3 di 10 metri quadrati di superficie adibiti a magazzino parti di ricambio di motoveicoli ed altro dotati di allacciamenti elettrici ed idraulici; 14) N. 2 strutture prefabbricate accostate tra di loro, di circa 50 metri quadrati di superficie, realizzate su platea di cemento, sulla quale è stata apposta un’insegna riportante la dicitura “Trattoria – Enoteca Omess.”, con attigua piscina di 16 metri quadrati di superficie, gazebo di circa 18 metri quadrati di superficie;

L’intera area (1.1 ettari di superficie- 10.000 metri quadrati) e le opere su di essa abusivamente realizzate sono state sottoposte a sequestro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro da parte della Polizia Stradale in un'area edificata abusivamente

VeronaSera è in caricamento