Ricercato da un mese, la polizia ferroviaria lo arresta a Verona Porta Nuova

È un cittadino italiano, iniziali G.M., nato a Milano nel luglio 1978 ma residente a Jesolo da diversi anni. Si aggirava nella stazione in un orario piuttosto tardo e ha destato sospetti negli agenti

I controlli degli agenti di polizia ferroviaria

Un pluripregiudicato per rapina aggravata, ricettazione, estorsione, rissa, oltraggio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, ricercato da un mese, è stato catturato dagli agenti della polizia ferroviaria di Verona Porta Nuova nella notte di lunedì 29 ottobre. Il cittadino italiano, iniziali G.M., nato a Milano nel luglio 1978 ma residente a Jesolo da diversi anni, era colpito da un ordine di carcerazione emesso il 24 settembre scorso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Trento.

L'uomo si aggirava nella stazione veronese in un orario piuttosto tardo e ha destato sospetti negli agenti che hanno proceduto al controllo. Gli agenti hanno così scoperto che G.M. sarebbe dovuto andare in carcere per una condanna passata in giudicato per contraffazione di opere d'arte, falsificazione di monete e filigrane, fatti commessi dal 2010 al 2012 nelle provincie di Verona, Trento, Treviso e Venezia.

Dopo le formalità di rito, l'uomo è stato portato nel carcere di Montorio per espiare una pena di 2 anni e 5 mesi di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

Torna su
VeronaSera è in caricamento