rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Polizia eroica salva una 15enne aspirante suicida

Voleva affogare nell'Adige immergendosi dal ponte Risorgimento

Voleva farla finita, era disperata e depressa. Ancora una vita salvata dalla Polizia ed ancora una tragedia familiare sfiorata a Verona. Questa volta si tratta di una quindicenne, che la notte scorsa aveva deciso di farla finita gettandosi nelle acque gelide dell’Adige. La ragazzina era stata notata intorno all’una e mezza sola in stazione dalla Polizia ferroviaria, che immediatamente si era preoccupata di contattare la madre, disperata per non averla vista ritornare a casa in serata.

Giunta nei pressi del Ponte Risorgimento all’angolo con Lungadige Cangrande, la quindicenne si è poi diretta sulla riva del fiume, e ha cominciato ad immergersi con la chiara intenzione di affogare.
Disperata, la madre chiamava il 113, dove in pochi attimi giungevano sul posto tre Volanti. Gli agenti, vedendo la giovane quasi al centro del letto del fiume e con l’acqua arrivata alla gola, si sonotuffati cercando di riportarla sulle sponde. Dopo un breve colloquio per convincerla a desistere dal suo insano gesto, i poliziotti un attimo prima che si lasciasse trascinare dalla corrente dell’Adige, l’hanno afferrata per un braccio e trascinata di peso a riva, mentre la stessa, con forza, si divincolava dalla presa per cercare ancora di portare a termine le sue intenzioni.

Tratta in salvo, quasi in stato di assideramento e in un forte stato di agitazione, è stata chiamata la pattuglia di Verona Emergenze che si sono occupati di portarla all’ospedale di Borgo Trento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia eroica salva una 15enne aspirante suicida

VeronaSera è in caricamento