menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Copertura e restauro: "Quanto serve all’Arena e quanto ai concerti pop?"

"Quanta parte dell'intervento serve a proteggere il monumento dalle infiltrazioni d’acqua - si chiedono i congilieri Ugoli e La Paglia - e quanta serve invece a migliorare le performance dell’anfiteatro per i concerti pop?"

Il monumento principale della città, l'Arena di Verona, continua ad essere al centro della polemica, dopo che il bando per la sua copertura è stato aggiudicato, non senza diverse contestazioni, i contrasti vertono ora soprattutto sull'urgenza o meno dei lavori di restauro dell'anfiteatro romano.

In particolare, alla versione del Sindaco scaligero, secondo il quale le intemperie rappresenterebbero un vero e proprio problema da affrontare per preservare il monumento, c'è chi ha risposto che in fondo l'Arena ha attraversato indenne terremoti, inondazioni, guerre e bombardamenti durante i suoi circa duemila anni di storia.

Di qui anche il sospetto, avanzato da i consiglieri comunali del Partito Democratico Luigi Ugoli ed Elisa La Paglia, che le operazioni di restauro e lo stesso progetto di copertura dell'anfiteatro abbiano le loro più profonde ragioni nella necessità per il Comune di fare cassa, grazie appunto a un numero maggiore di spettacoli da realizzarsi anche durante serate caratterizzate da eventuali condizioni metereologiche avverse.

"Dobbiamo purtroppo rilevare - spiegano Ugoli e La Paglia - che, così come per l’avveniristico cappello di cui si sta molto discutendo, anche per quanto riguarda i lavori di restauro dell’anfiteatro Arena le finalità dell’intervento non sono state presentate in modo chiaro e cristallino. Ormai è assodato che la sigillatura dei gradoni e gli interventi di recupero sul monumento rappresentano solo una parte di un investimento che insiste molto sul potenziamento e sull’affidabilità degli impianti. Allora vorremmo una parola chiara: quanta parte dell'intervento serve a proteggere il monumento dalle infiltrazioni d’acqua e quanta serve invece a migliorare le performance dell’anfiteatro per i concerti pop?"

"Siccome stiamo parlando di un generoso contributo della Fondazione Cariverona - proseguono i due consiglieri Pd - la trasparenza dovrebbe essere sopra tutto. L’iter intrapreso dal Comune è invece risultato lungo e tortuoso, con frequenti cambi dei responsabili e soprattutto non ha dato possibilità di discutere di alcune interessanti innovazioni tecnologiche che potrebbero migliorare la fruibilità del monumento già in uso in tutti i moderni musei. Questo è forse l’aspetto che lascia più perplessi: mentre i nostri avi dibattevano in consiglio comunale di quali malte fossero più indicate per l’Arena, di questo intervento abbiamo avuto soltanto qualche fugace apparizione in commissione".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento