rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca

Pitt e Jolie a Villa Costanza? "Una bufala"

Lo scoop del Daily Mail ripreso dai quotidiani. Risponde l'Istituto proprietario: "Sono falsit"

Un sindaco furibondo, un Comune in balia delle “favole” montate ad arte, due divi del cinema hollywoodiano, una villa del ‘500 in Valpolicella data per venduta e i reali proprietari che scuotono la testa: “Una bufala”. Questi gli elementi che circondano il sensazionalistico scoop di un quotidiano inglese, il Daily Mail, che aveva annunciato a gran voce “Brad Pitt e Angelina Jolie comprano una spettacolare villa da 40 milioni di dollari a Verona”.

L’edificio in questione è Villa Costanza, nel comune di San Pietro in Cariano, che stamane, con foto e commenti, è balzata nelle prime pagine online dei quotidiani di tutto il mondo. Ma è tutta una montatura, un’invenzione. “Non ne sappiamo nulla- affermano dalla segreteria del Municipio- il sindaco Gabriele Maestrelli non intende più rispondere a certe illazioni. Per quanto ci risulta si tratta di una bufala vera e propria”. La villa, quindi, non è in vendita e resta di proprietà dell’Istituto religioso Madri Pie della Nigrizia: “E’ tutta una burla, una falsità- dichiara la rappresentante legale, suor Maria Luisa Materazzi- Non c’è stata nessuna trattativa, non conosciamo nemmeno i due attori che dovrebbero essere interessati. Villa Costanza è di proprietà della missione Comboniana e così resterà fino a nuovo avviso. Stiamo già contattando le varie redazioni per diramare la smentita”.

Una smentita nella forma e nella sostanza, perché, a quanto pare, i quotidiani italiani si sono affidati un po' troppo alla traduzione dall’inglese che indicavano l’estensione della villa in 18mila “piedi quadri”, trasformati pari - pari in metri quadrati: ma la misura reale dello stesso dato, tradotto, sarebbe di circa 6mila metri quadri. Pura invenzione anche circa la Jacuzzi, palestra, sala cinema e le due piscine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pitt e Jolie a Villa Costanza? "Una bufala"

VeronaSera è in caricamento