menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ade" lascia Verona: via caldo e afa, arriva pioggia e fresco

Correnti fredde da Nordovest metteranno a dura prova, nuovamente, il turismo sul Garda. Ma tutta la provincia sarà interessata da piovaschi alternati a schiarite. Domani previsto clima gradevole

Il caldo africano di "Ade" fra poco sarà un ricordo. Afa e sole incandescente lasceranno spazio a pioggia e fresco. Arriva infatti un fronte molto instabile da Ovest-Nordovest verso soprattutto le aree centro-orientali del Nord con piogge e temporali diffusi anche forti tra Est Lombardia, l'area veronese del Garda e il Veneto in generale, ma anche su Trentino Alto-Adige e Friuli. Da oggi pomeriggio si verificheranno rovesci su tutta la regione.

Con le previsioni dei prossimi giorni è facile ipotizzare che cessi definitivamente il caldo a Nord, con valori massimi quasi ovunque sui 23-27 gradi. Tuttavia, martedì 25, il tempo sarà mediamente buono e ampiamente soleggiato ma con correnti fresche da Nordovest e locali addensamenti associati a qualche rovescio sui rilievi di Nordest. Il clima sarà dunque gradevole con temperature massime tra 25 e 28 gradi un po' ovunque. Mercoledì 26, arrivano correnti più instabili da Nordovest con rovesci e temporali su Emilia Romagna: a Verona piovaschi alternati a schiarite e le temperature saranno comprese tra 17 e 24 gradi. La stessa situazione si avrà probabilmente anche giovedì, ma con rovesci più estesi a partire dalle 20. Il weekend non promette nulla di buono: i meteorologi si sbilanciano e prevedono pioggia per venerdì, sabato e domenica, con temperature che resteranno comunque tra i 16 e i 21 gradi.

In riferimento alla situazione meteo, inotlre, il Centro funzionale decentrato della Protezione civile ha dichiarato dalle 14 alle ore 24 di oggi, lunedì 24 giugno, lo stato di attenzione e pre-allarme, in caso di temporali intensi a livello locale, per i bacini: Vene-C (Adige-Garda e Monti Lessini), Vene-D (Po, Fissero – Tartaro – Canalbianco e Basso Adige), Vene-E (Basso Brenta-Bacchiglione).

"Le amministrazioni locali - spiega una nota della Regione Veneto - dovranno porre in atto le procedure di allertamento dovute a conclamate criticità o particolari sofferenze idrogeologiche e idrauliche presenti nel territorio di competenza. In particolare i Comuni caratterizzati dalla presenza di fenomeni di colate rapide dovranno attivare idonee azioni di controllo del territorio in quanto tali fenomeni di dissesto sono particolarmente sensibili alle precipitazioni temporalesche intense".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento