Un'ora di sciopero per la sicurezza dopo la morte bianca di Pietro Perricci

L'artigiano di 64 anni è deceduto cadendo dal tetto della Fdf di Vallese di Oppeano, dove stava svolgendo delle manutenzioni. Domani la protesta delle organizzazioni sindacali veronesi dei metalmeccanici e dell'edilizia

Pietro Perricci (Foto Facebook)

Si chiamava Pietro Perricci, era originario del paese tarantino di Grottaglie, ma da anni si era trasferito a Villafranca, dove lavorava in proprio come artigiano. Aveva una moglie, una figlia e due nipotine. Pietro Perricci si è spento ieri, 17 dicembre, a 64 anni. Il suo nome si è aggiunto alla lunga lista di coloro che sono morti sul lavoro nel Veronese. Pietro Perricci stava operando alla Fdf di Vallese di Oppeano, un impiego che gli era stato subappaltato da un ditta edile. È caduto dal tetto, per cause ancora tutte da accertare, e per lui non c'è stato nulla da fare.

Una morte, quella avvenuta ieri, che ha scatenato la rabbia dei sindacati provinciali di Verona. Fim, Fiom, Uilm, Filca, Fillea e Feneal, congiuntamente alle confederazioni provinciali Cgil, Cisl e Uil, hanno indetto per domani, 19 dicembre, un'ora di sciopero (l'ultima di ciascun turno) per le categorie dei metalmeccanici e degli edili della provincia di Verona. Una protesta per la sicurezza sui luoghi di lavoro che avrà un presidio anche davanti alla prefettura di Verona alle 17.30. Le organizzazioni sindacali veronesi dei metalmeccanici e dell'edilizia ritengono indispensabile procedere al più presto con Spisal e gli organi istituzionali alla creazione di percorsi formativi che coinvolgano tutti gli addetti al sistema di sicurezza aziendale «con particolare attenzione alla gestione degli appalti che, ad oggi, risultano essere causa preponderante di infortunio spesso per l'assenza di un controllo severo e puntuale da parte delle aziende appaltatrici», scrivono i sindacati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ed oltre alla prevenzione bisogna anche prevedere un congruo risarcimento alle famiglie delle vittime - ha aggiunto Franco Turri, segretario generale di Filca-Cisl - Inoltre per assicurare la dignità del lavoro, delle persone, è necessario anche intervenire sulle pensioni, con norme ad hoc per gli edili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento