Pietro Maso: "Ho scritto una lettera al Papa, dopo pochi giorni mi ha chiamato"

Il protagonista di uno dei più discussi casi di cronaca nera avvenuti a Verona, ha rilasciato un'intervista al giornale Chi che andrà in edicola il 20 gennaio

Uscirà il gennaio in edicola il nuovo numero del settimanale Chi, dove sarà presente un'intervista a Pietro Maso, l'uomo protagonista nel 1991 di uno dei fatti di cronaca nera più discussi. 
A riportare la notizia è Ansa, che cita anche una parte delle dichiarizioni del 44enne: "Ho scritto una lettera al Papa in cui mi scusavo per quello che ho fatto 25 anni fa e pregavo per la pace. Dopo qualche giorno ha suonato il telefono: 'Sono Francesco, Papa Francesco'. Ora dedicherò la mia vita agli altri".
Insieme a tre complici, Maso massacrò i genitori il 17 aprile del 1991 a Montecchia di Crosara, all'età di 20 anni, per intascarne l'eredità e scontò poi una pena di 22 anni in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Il Veneto dal 16 gennaio è la Regione più a rischio zona rossa con il prossimo Dpcm

  • La zona arancione che in Veneto durerà almeno fino al 15 gennaio spiegata semplice

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

Torna su
VeronaSera è in caricamento