Pfas, Zaia: "Primi ad affrontare il problema. Ora siamo punti di riferimento"

Anche la Regione Toscana sta conducendo dei campionamenti, ma ha riportato l'assenza di limiti europei o nazionali per la concentrazione di Pfas nell'acqua. Solo il Veneto li ha disposti

I campionamenti che la Regione Toscana sta conducendo sulle sue acque per accertare il grado di inquinamento da Pfas sono il segno che non raccontavamo balle e che questi inquinanti sono un problema di molte parti d'Italia e non solo del Veneto.

Parole del presidente della Regione Luca Zaia a commento di quanto riportato sul sito dell'Arpa toscana in cui viene riportato che non esistono norme europee o nazionali che abbiano fissato dei limiti per la concentrazione di queste sostanze nell'acqua. Solo il Veneto li ha messi e "se non ci fossero - sostiene Zaia - anche le altre Regioni non saprebbero da che parte affrontare il problema. Avere noi investito 3 milioni di euro per il laboratorio e apparecchiature specifiche; aver messo in piedi una task force di superesperti; essere intervenuti subito sugli acquedotti con i filtri per garantire acqua pulita, tutto questo ci ha messo nelle condizioni di essere ormai riferimento nazionale non già perché più inquinati, ma perché siamo stati i primi ad aver studiato il fenomeno ed aver operato a tutela della gente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle parole di Zaia, sul medesimo argomento, interviene anche l'assessore regionale all'ambiente Gianpaolo Bottacin che ha rilevato: "Purtroppo in Italia esistono solo gli obiettivi di performance per le acque potabili indicati nel 2014 dall'Istituto Superiore di Sanità, che consentono l'erogazione di acqua con un livello complessivo di Pfas di 1030 ng al litro e questo non fa che confermare l'assoluta assenza del governo nazionale in questa delicatissima partita fondamentale per la salute dei cittadini. Come Veneto siamo ben lieti di essere un esempio virtuoso per molte regioni, anche se a volte cogliamo con stupore il fatto che di una problematica tanto delicata qualcuno ne parli come se esistesse solo in Veneto, quando nella realtà dei fatti il Veneto è la prima Regione che invece si è mossa per risolvere un problema che coinvolge diversi altri territori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento