Pfas, cominciate le analisi. M5S: "Si riconosca lo stato di emergenza"

È partito il piano di sorveglianza sulla popolazione esposta a Pfas, che nel veronese riguarda circa 50 mila residenti o domiciliati nei 13 comuni inquinati

È scattato come da programma ieri, 2 maggio, all'ospedale di Legnago il piano di sorveglianza sulla popolazione esposta a Pfas, che nel veronese coinvolge i residenti e i domiciliati di 13 comuni, per un totale di quasi 50 mila persone. Sono dunque iniziati i prelievi di sangue e urina degli uomini e delle donne che hanno ricevuto una lettera di convocazione. Giorno dopo giorno continueranno le analisi che con tutta probabilità dureranno un paio d'anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un'iniziativa disposta dalla Regione Veneto, contro cui però continuano gli attacchi da parte degli esponenti del Movimento 5 Stelle. La deputata veneta Silvia Benedetti ha chiesto che venga dichiarato lo stato di emergenza per i territori veneti inquinati da Pfas. "Crediamo che lo stato di stallo in cui sono stati lasciati questi territori sia inaccettabile - ha detto Benedetti - Così come è inaccettabile che ancora chi amministra non abbia il coraggio d'intraprendere misure radicali contro questo tipo d'inquinanti. Con il riconoscimento dello stato di emergenza verrebbero sbloccati fondi in base alle disponibilità, utili alla funzionalità dei servizi per l'approvvigionamento idrico e per iniziare opere di messa in sicurezza rispetto alla minaccia ancora presente delle Pfas. Va immediatamente imposto il limite zero allo sversamento in ambiente di Pfas".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Fatture false per evadere l'Iva, sequestri per 74 milioni ad azienda veronese

  • Virus: 15 nuovi casi totali di positivi in Veneto, 6 sono a Verona che segna zero morti in 24 ore

Torna su
VeronaSera è in caricamento