Obiettivo Pfas Zero, Acque Veronesi: "Doppi filtri pronti in nove mesi"

Il nuovo sistema messo in funzione dall'acquedotto Acque di Chiampo a Lonigo ha dato i risultati sperati e Acque Veronesi ha aggiornato i primi cittadini sull'andamento dei lavori

(Foto di repertorio)

Per informare i sindaci sulla situazione gestionale e lo stato di avanzamento della programmazione dei lavori strutturali, è stata convocata questa mattina, 13 ottobre, una riunione urgente del comitato territoriale dell'Ato Veronese, allargata ai sindaci dei territori interessati dall'inquinamento da Pfas.

Come a Lonigo, in tutti i comuni in cui l'acqua è contaminati si vuole raggiungere l'obiettivo "Pfas Zero" e Acque Veronesi ha stimato in circa 9 mesi il tempo necessario per la messa in funzione della doppia filtrazione dell'acqua. Sempre Acque Veronesi sta progettando e poi dovrà costruire la zona di ampliamento nell'impianto di filtrazione di Madonna di Lonigo che ospiterà nuovi silos: questi conterranno altri 10 filtri in serie (in tutto saranno quindi 20) che permetteranno un doppio trattamento di potabilizzazione mantenendo la portata massima trattabile dalla centrale a 500 litri al secondo anche durante le operazioni di sostituzione delle masse. In tutto si parla di 130.000 kg di carbone attivo, che serviranno per ridurre a zero i Pfas per 109.000 abitanti serviti. L’investimento per l’ampliamento è di 1.800.000 euro. I filtri dovranno essere cambiati ogni due mesi, con indicativamente una spesa di 200.000 euro ad ogni cambio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli obiettivi a lungo termine sono due: la sostituzione dei pozzi e la sostituzione delle fonti di approvvigionamento. Acque Veronesi sta studiando un piano che possa prevedere in anticipo cosa succederà nei pozzi. Inoltre, il futuro sistema di approvvigionamento e di rete acquedotti, se ci dovessero essere altri problemi causati da inquinanti emergenti, dovrà avere una distribuzione flessibile dell'acqua, evitando quindi che un solo bacino d'utenza serva così tanti comuni e conseguentemente, migliaia di persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento