Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Peschiera del Garda / Viale Stazione

Peschiera del Garda, la Polfer ferma due sospetti: nello zaino pc, iPad e iPod rubati

Durante un controllo di routine, mercoledì 11 novembre gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno perquisito due albanesi nella stazione di Peschiera del Garda

Mercoledì 11 novembre nel pomeriggio, intorno alle ore 14.30, durante il consueto servizio di pattugliamento all’interno della stazione di Peschiera del Garda, il personale del Posto di Polizia Ferroviaria ha effettuato un controllo sull’identità di due giovani cittadini albanesi B. A. di 20 anni e H. Z. di 21anni, che si trovavano sul marciapiede del terzo binario e che asserivano di essere in attesa di un generico e non meglio precisato treno diretto a Milano, senza tuttavia essere in possesso di alcun biglietto ferroviario.

I sospetti degli agenti sui due sono stati poi confermati dall’esito dei primi accertamenti svolti sui precedenti del più giovane, accertamenti da cui è risultato essere già stato denunciato per porto abusivo di armi bianche nonchè sospettato di essere autore di furti in abitazione. La conferma la si è avuta dalla sommaria ispezione sugli zainetti dei due, che ha permesso di scoprire che i giovani erano in possesso di vari oggetti, tra cui alcuni dispositivi informatici di apprezzabile valore commerciale, quali un computer notebook Acer, due iPad, un tablet NVSBL, una telecamera digitale  Go Pro Hero e un iPod. Quest’ultimo apparecchio in particolare, personalizzato con il nome serigrafato, ha consentito agli operatori di Polizia di risalire alla denuncia della proprietaria per il furto perpetrato all’interno della sua abitazione, in un paese in provincia di Pordenone; nella circostanza, il marito, nel rientrare a casa, si era trovato faccia a faccia con due intrusi, uno dei quali, in un primo momento, aveva tentato anche di affrontarlo per recuperare ulteriore bottino.

Il materiale è stato quindi posto sotto sequestro e sono attualmente in corso accertamenti finalizzati a reperire i nominativi dei proprietari degli altri dispositivi telematici e dei monili. I due albanesi, che erano muniti di regolari passaporti dai quali risultavano essere entrati in Italia nello scorso mese di ottobre, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Verona, che ha già disposto il dissequestro e la restituzione dell’iPod alla proprietaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peschiera del Garda, la Polfer ferma due sospetti: nello zaino pc, iPad e iPod rubati

VeronaSera è in caricamento