menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pentole e padelle radioattive vendute in città: scatta il sequestro della polizia

Paura anche nel capoluogo scaligero per una partita di oggetti da cucina proveniente da Taranto e contenente tracce di cobalto 60, isotopo potenzialmente molto pericoloso per l'uomo

Paura e frenesia anche a Verona dopo l'annuncio, ieri, dell’Asl di Taranto e dell’Istituto zooprofilattico di Foggia, che hanno fatto scattare un'allerta sanitaria dopo aver trovato vari oggetti da cucina radioattivi venduti tranquillamente in diverse città italiane, compreso il capoluogo scaligero.

RADIOATTIVI - Stando a quanto diffuso ieri dalle autorità competenti si tratterebbe di mestoli, passaverdure e pentolini per i quali, in gran parte, è scattato il sequestro: erano stati infatti ottenuti con una lega di acciaio scadente, contenente tracce di cobalto 60, isotopo radioattivo del cobalto, introvabile in natura e potenzialmente pericoloso per l’uomo. La procura di Taranto ha aperto un fascicolo d’indagine. Le autorità scaligere intanto continuano i controlli su tutta la merce presente in provincia, al fine di scongiurare ogni possibile danno a persone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento