menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pensionati e studenti al lavoro nei terreni confiscati all'ex boss mafioso

Il progetto INCampo-facciamo Rete per la legalità ha preso il via in località Ingorre, nel comune di Erbè, all'interno di un bene confiscato a Roberto Patuzzo, affiliato alla 'ndrangheta

Recuperare i terreni agricoli coltivando e curando i campi, dedicarsi alla manutenzione di strutture fatiscenti e intanto imparare, conoscere, formarsi, ma anche dipingere, cucinare, riparare biciclette. Sono tantissime le cose che si possono fare a Erbè, nelle strutture e nelle aree confiscate alle mafie. Ed è qui, infatti, che alcune decine di pensionati dello Spi Cgil veneto e i rappresentanti di altre organizzazioni si sono ritrovati dallo scorso 2 luglio con i giovani e gli studenti, nell'ambito del progetto INCampo-facciamo Rete per la legalità, organizzato dall'Arci, in collaborazione appunto con lo Spi Cgil, la Rete degli Studenti Medi e l'Udu (Unione degli Universitari). Oltre al puro lavoro, declinato in più attività, il programma prevede molti incontri con esperti del fenomeno mafioso come giornalisti, formatori, esponenti di associazioni e della politica.

Il campo si svolge in località Ingorre, all'interno di un bene confiscato a uno spacciatore locale, Roberto Patuzzo, affiliato alla ‘ndrangheta, che lo usava come quartier generale per gestire lo spaccio, e, nelle intenzioni, per costruirvi un ristorante e un maneggio. Il sito è costituito da fabbricati e da un terreno di circa 18000 mq.

"Siamo molto soddisfatti - spiega Danilo Toccane, della segreteria regionale dello Spi Veneto - di riproporre per il quinto anno una iniziativa che da sempre vede la partecipazione entusiastica delle pensionate e dei pensionati dello Spi che con slancio, altruismo e spirito di condivisione incontrano i giovani e gli studenti in un progetto di altissimo profilo culturale. È un programma molto intenso quello che coinvolge pensionati e ragazzi e contempla anche visite nella città di Verona".

Nel Veronese sono 25 i beni confiscati alla criminalità organizzata: una azienda e 24 immobili. Fra questi ultimi 4 ville, 5 appartamenti, 5 fra garage, box, autorimesse, posti auto, 2 capannoni, 2 terreni agricoli, 1 terreno con fabbricato rurale, 5 tipologie di altri locali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento