Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Pedo-pornografia online: perquisizioni all'ombra dell'Arena

Le indagini sono iniziate a Catania, ma la polizia postale ha rapidamente ampliato il raggio delle investigazioni, raggiungendo diverse città d'Italia, Verona compresa

La pedofilia in rete torna, purtroppo, ad occupare le prime pagine dei giornali nazionali, con una nuova ondata di casi che riguardano tutto lo Stivale, compreso anche il capoluogo scaligero. L'allarme questa volta è stato lanciato dagli agenti della polizia postale e delle telecomunicazioni di Catania che, nell’ambito dell’operazione "Abuse", hanno arrestato quattro persone ed eseguito perquisizioni in tutta Italia. Sono nove gli individui indagati dalla procura etnea. Gli arresti sono stati eseguiti tra Catania, Siracusa, Livorno e Mantova.

IN MANETTE - Gli indagati - un catanese di 51 anni, un siracusano di 41 anni, un residente a Livorno, recidivo di 54 anni, e un uomo originario di Mantova di 41 anni - sono stati scoperti in flagranza di reato mentre diffondevano video di minori. Diverse sono state le perquisizioni domiciliari in alcune città d’Italia tra Catania, Siracusa, Palermo, Messina, Verona, Vicenza, Reggio Calabria, Napoli, Salerno, Roma, Livorno, Mantova e Udine. L’operazione scaturisce dalla collaborazione tra la polizia italiana e quella tedesca per il contrasto della divulgazione di materiale pedo-pornografico su Internet. Tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 gli indagati avrebbero divulgato alcuni video di pornografia infantile. Il materiale informatico sequestrato durante le perquisizioni sarà sottoposto all’analisi forense.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedo-pornografia online: perquisizioni all'ombra dell'Arena

VeronaSera è in caricamento