menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ufficio Immigrazione in Questura a Verona

Ufficio Immigrazione in Questura a Verona

Presenta un passaporto falso per avere il permesso di soggiorno per lavoro

Documento del ragazzo, proveniente dal Senegal e classe 1989, non aveva un microchip funzionante e gli accertamenti hanno poi permesso di scoprire che la pagina contenente i dati anagrafici era stata modificata

In questo mese di novembre salgono a tre gli arresti di cittadini stranieri compiuti dalla Polizia di Stato della Questura di Verona in servizio presso l’Ufficio Immigrazione.

Nella giornata di martedì 24 novembre, durante il normale svolgimento delle attività di sportello che giornalmente impegnano gli operatori del locale Ufficio Immigrazione, un altro cittadino straniero, questa volta un ragazzo proveniente dal Senegal classe 1989, ha presentato agli agenti un passaporto contraffatto al fine di ottenere il rilascio di un permesso di soggiorno per lavoro.

Nel corso delle ordinarie verifiche che vengono effettuate su ogni documento di riconoscimento, un poliziotto ha constatato che il passaporto elettronico consegnato dallo straniero non aveva un microchip funzionante.
Immediati sono scattati ulteriori e più approfonditi accertamenti, eseguiti anche in collaborazione con la Polizia Provinciale, all’esito dei quali è stata riscontrata la manomissione della pagina del passaporto contenente i dati anagrafici del titolare del documento.

Nella mattinata di mercoledì si è svolto il rito direttissimo, al termine del quale il giudice ha convalidato l’arresto del 31enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento