rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca

Passante nord: la protesta arriva in piazza

La manifestazione si svolta prima a Parona per poi spostarsi davanti al Comune

Li accomuna la sfortuna di avere case, aziende e proprietà varie,lungo il tracciato del Passante nord. Ovvero su quei terreni dove dovrebbe passare il collegamento autostradale delle Torricelle, nelle zone di Poiano, Avesa, San Rocco di Quinzano, Parona, La Sorte, San Massimo e Lugagnano.

Gli espropriandi, confusi e spaventati dalla possibilità di perdere i loro terreni senza un adeguato indennizzo, si sono organizzati in una prima manifestazione a Parona all'interno del vivaio Fontana, una delle aziende a rischio esproprio, con la collaborazione del Comitato antitraforo.  I partecipanti hanno piantato 120 piantine di alberi ad alto fusto, una per ogni famiglia presente alla riunione, nella zona di giardino che fa angolo con la strada dei Monti. Un gesto simbolico visto che proprio in quella zona dovrebbe sorgere il nuovo passaggio autostradale.


La protesta si è poi spostata in piazza Bra, dove i manifestanti hanno fatto sentire la propria voce, accusando il Comune di tenerli all'oscuro di tutto: "Nessuno dell'amministrazione è venuto a parlarci, il Comune ci tiene tutto nascosto. Le informazioni in nostro possesso ci sono pervenute unicamente tramite i giornali, i documenti che ci ha fornito il Comitato e i legali da noi ingaggiati." Le voci che circolano parlano di "indennizzi ridicoli" e "aziende chiuse o abbattute senza la certezza di poter riaprire". La gente chiede chiarezza e spiegazioni sul perchè l'opera, inizialmente destinata ad una zona più a nord distante dai centri abitati, sia stata spostata: "In queste zone il sindaco Tosi hanno preso diversi voti con la promessa di un passante a nord di Avesa, adesso deve mantenerla". Alla protesta hanno partecipato anche altre associazioni come Legambiente, Amici della terra e Amici della bicicletta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passante nord: la protesta arriva in piazza

VeronaSera è in caricamento