Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca Sommacampagna / Strada Ossario

Sommacampagna, nuovi spazi espositivi e multimediali all'Ossario di Custoza

Da sabato 21 aprile saranno visitabili le nuove sale realizzate nella ex-casa del custode che permetteranno di guardare il sacrario con nuovi occhi e mezzi innovativi

Apriranno domani, 21 aprile, i nuovi spazi espositivi e multimediali dell'Ossario di Custoza, a Sommacampagna. I visitatori avranno il privilegio di vedere il sacrario in veste rinnovata, con diversi ispirazioni per la visita.

Il monumento è di proprietà della Provincia di Verona, ma è gestito operativamente dal 2010 dal Comune di Sommacampagna, poi con l'ausilio della locale cooperativa sociale I Piosi. E da pochi mesi il sito è entrato nell'elenco dei sacrari militari tutelati dal Ministero della Difesa, che contribuirà in parte anche ai costi di gestione. Dopo un restauro risalente al 2011, eseguito per il 150esimo dell'Unità d'Italia, dal 2015 l'amministrazione ha avviato un'ulteriore e concreta valorizzazione del sito, accogliendo una proposta di riorganizzazione da parte dello storico Carlo Saletti, affidandosi poi a Roberto Solieri per progettare la nuova disposizione tematica degli spazi.

Gli interventi più recenti hanno dato una diversa sistemazione al nucleo storico museale formato dalla cripta, dalla cappella di Don Pivatelli e dalla sala nella balaustra, rendendolo più fedele all'originale allestimento che fu fatto dal conte Carlo Gazola. Oltre a questo, nell'ottica di creare in futuro un nuovo nucleo museale, sono state realizzate alcune sale espositive multimediali nella ex-casa del custode che permetteranno di guardare l'Ossario con nuovi occhi e mezzi innovativi.

Al piano terra, nella sala di sinistra, il visitatore sarà virtualmente accolto da alcuni protagonisti della battaglia del 24 giugno 1866, con i racconti dello scrittore Edmondo De Amicis, del generale Giuseppe Govone e dell’ufficiale austriaco Karl Möring, in un suggestivo viaggio olografico. Allo stesso piano, la stanza di destra è dedicata alle battaglie, di cui sul pavimento sono proiettate le cartine. Al piano superiore, a sinistra c'è la stanza dell'Ossario con la riproduzione del mausoleo in scala ridotta. E ci saranno anche due postazionimultimediali in cui il parroco Don Gaetano Pivatelli e l'intellettuale Camillo Boito ripercorreranno i numerosi passi che hanno portato all'edificazione del monumento. La stanza di destra del primo piano è invece uno spazio utile per delle esposizioni temporanee.

Grazie ad una convenzione stipulata a novembre 2017 tra il Comune di Sommacampagna e il Fai (Fondo ambiente italiano), il mausoleo di Custoza è accessibile ad un prezzo scontato per tutti i soci Fai. Inoltre la delegazione Fai di Verona ha voluto inserire l'Ossario tra i due Punti Fai presenti nella provincia di Verona.

L'orario di apertura dell'Ossario, valido per tutta la stagione estiva, è al mattino dalle 9.30 - 12.30 e al pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30. L'Ossario è chiuso di lunedì e anche al mattino del martedì.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sommacampagna, nuovi spazi espositivi e multimediali all'Ossario di Custoza

VeronaSera è in caricamento