Lockdown di Halloween a Torri del Benaco: il sindaco vieta di ricevere a casa non conviventi

L'ordinanza a Torri: «Con riguardo alle abitazioni private, è vietato ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza»

Torri del Benaco

La situazione pandemica sta progressivamente deteriorandosi in tutto il Paese e i segnali in tal senso non mancano. Oggi l'Italia registra nel bollettino nazionale i dati peggiori dall'inizio della pandemia, il dott. Burioni scrive sui social: «Oltre 31 mila casi e 199 morti. Io vi faccio solo una domanda: cosa state aspettando?». Il riferimento è chiaramente all'ipotesi di un nuovo lockdown nazionale. Chi, a suo modo, ha deciso di esercitare le proprie prerogative che gli consentono secondo l'ultimo Dpcm di stabilire norme e disposizioni per i propri cittadini più restrittive, è stato in queste ore il sindaco di Torri del Benaco Stefano Nicotra, il quale ha innanzitutto chiarito che «ad oggi sono 7 i positivi e circa 18 le persone in attesa di tampone perché a contatto con loro». 

Dpcm: cosa vuol dire «fortemente raccomandato»? Spostamenti, ospiti in casa: i chiarimenti

In data odierna è stata infatti pubblicata ufficialmente una nuova ordinanza del sindaco Nicotra che, di fatto, restringe ulteriormente le norme in vigore per effetto del Dpcm, tanto per quel che riguarda le attività commerciali come i bar o i ristoranti, quanto per quel che concerne i singoli cittadini nel loro quotidiano. Nel dettaglio, la nuova ordinanza firmata dal sindaco di Torri del Benaco che avrà validità fino al 24 novembre 2020 (salvo novità su scala nazionale, assai probabili) dispone anzitutto che «presso gli esercizi pubblici, sono vietati i concertini, la musica dal vivo e qualsiasi tipo di piccolo spettacolo per l’intrattenimento della clientela». In secondo luogo nei vari locali di Torri del Benaco le «diffusioni musicali» con qualunque mezzo «sono consentite dalle ore 8 alle ore 18», mentre i «plateatici dei pubblici esercizi dovranno essere completamente sgomberati entro le ore 18».

Scarica l'ordinanza del sindaco di Torri del Benaco - 30 ottobre 2020

Il vero elemento di novità contenuto nell'ordinanza del sindaco di Torri del Benaco Stefano Nicotra è però quello relativo all'oramai prossima festa di Halloween che cade sabato 31 ottobre. Per comprenderne il senso bisogna tener a mente quanto si trova già disposto nel Dpcm vigente. Qui infatti, in merito alle «abitazioni private» come abbiamo in precedenza evidenziato, viene già «fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza». Di fatto, con la sua ultima ordinanza il sindaco di Torri del Benaco Stefano Nicotra trasforma questa «forte raccomandazione» in un vero e proprio obbligo (o meglio divieto), dunque facendo diventare sanzionabili i trasgressori.

Il divieto di ricevere persone non conviventi in casa propria, salvo che per motivi di lavoro, necessità o urgenze, sarà in vigore nel territorio comunale di Torri del Benaco proprio la notte di Halloween, cioè esclusivamente nel periodo temporale che va dalle ore 18 di sabato 31 ottobre 2020 alle ore 6 di domenica 1 novembre 2020. Nel testo dell'ordinanza sindacale infatti si legge: «Dalle ore 18 del 31 ottobre 2020 fino alle ore 6 dell'1 novembre 2020, con riguardo alle abitazioni private, è vietato ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza».

Isolamento selettivo degli anziani per evitare il lockdown totale in Italia: la proposta dell'Ispi

Il messaggio del sindaco Nicotra

Di fatto è un provvedimento mirato proprio ad impedire festicciole di Halloween fatte nelle abitazioni private, cosa che di per sé è al limite della ridondanza legislativa, poiché già il Dpcm in vigore vieta le feste, sia in ambito privato che pubblico. Ad ogni modo, la stessa ordinanza del sindaco di Torri del Benaco, inoltre, dispone anche che «dalle ore 00:00 alle ore 08 e dalle ore 18 alle ore 24, fino al 24 novembre 2020 compreso, con riguardo ai giardini privati, ai parchi, ai cortili o aree condominiali all’aperto, è vietato lo svolgimento di feste, la diffusione di musica nonché fare schiamazzi o chiasso».

Sempre con riguardo particolare alla notte di Halloween, il sindaco Nicotra nella sua ordinanza «raccomanda fortemente», cioè non vieta ma esorta i suoi cittadini ad evitare di recarsi in giro per il paese per il tradizionale "dolcetto o scherzetto" facendo il giro dei campanelli. Il sindaco, si legge nell'ordinanza, «raccomanda fortemente dalle ore 18 del 31 ottobre 2020 fino alle ore 06 dell'1 novembre 2020, lungo le vie e piazze del territorio comunale, di non fare assembramenti e di evitare che i bambini/ragazzi girino di casa in casa, secondo la tradizionale ricorrenza della festa di Halloween». Che dire, se non: trick or treat?

Post Burioni lockdown 30 ottobre 2020

Post Roberto Burioni - 30 ottobre 2020

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

Torna su
VeronaSera è in caricamento