È un operaio di Caldiero 54enne l'uomo morto dopo una caduta di 10 metri da un tetto a Zevio

L'uomo era coniugato, originario di San Bonifacio e residente a Caldiero

Incidente sul lavoro - immagine d'archivio

Sarebbe precipitato da un altezza di circa 10 metri, dopo che una parte del tetto, per cause da accertare, all'improvviso avrebbe ceduto. Questa la dinamica riferita dai carabinieri relativamete al decesso di un operaio di 54 anni che ha perso la vita questa mattina, mentre stava svolgendo i lavori di ripristino della copertura di uno stabilimento per la produzione di carta a Zevio.

Le iniziali dell'uomo sono D.D., era coniugato e residente a Caldiero. In base a quanto riferito dai militari dell'Arma, l'operaio sarebbe salito sul tetto dell'edificio per svolgere la sostituzione di una porzione della struttura, ma ad un tratto parte della stessa avrebbe ceduto ed il 54enne, originario di San Bonifacio, sarebbe a quel punto piombato a terra. La rovinosa caduta gli avrebbe quindi provocato diversi traumi e lesioni.

Immediati sarebbero stati i soccorsi dei sanitari del 118, ai quali tuttavia, nonostante i tentativi di rianimare l'operaio, non è rimasto poi che constatarne il decesso. Sul posto sono intervenuti gli ispettori dello Spisal di Verona ed i carabinieri della Stazione di Zevio che stanno ora proseguendo nelle indagini per ricostruire con esattezza l'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento